Melito e la piscina comunale, un progetto mai sbocciato: struttura nel degrado da più di 30 anni

Melito e la piscina comunale, un progetto mai sbocciato: struttura nel degrado da più di 30 anni

Dura la reazione del Capogruppo di Melito Adesso, Raffaele Caiazza: “questa situazione è lo specchio dell’incapacità dell’attuale amministrazione”

MELITO – Una struttura costruita oltre 30 anni fa, subito dopo il terremoto del 1980, e mai utilizzata. Spicca, in una zona afflitta dal perenne degrado, come quella di Via Madrid, dove campeggiano le costruzioni dell’edilizia popolare della 219, la piscina comunale di Melito, o almeno, quella che sarebbe dovuta essere tale.

La situazione sarebbe potuta cambiare nel 2008 quando Antonio Bassolino era presidente della Regione Campania ed i consiglieri regionali Giuseppe Sarnataro, del PD, e Stefano Buono dei Verdi diedero vita ad un emendamento per la legge finanziaria di quell’anno che prevedeva l’esborso, da parte dell’ente regionale, di 2 milioni di euro quali fondi per l’effettivo utilizzo. I fondi stavano per essere utilizzati prima dall’amministrazione guidata da Antonio Amente poi, anche attualmente, da Venanzio Carpentieri, che ha scongiurato il rischio di revoca del finanziamento, ma la situazione non si è mai sbloccata.  L’appalto per i lavori alla piscina comunale è poi stato vinto, dopo la gara indetta, da un consorzio di cooperative di Bologna, alla fine del 2014. Qualche mese dopo, nel 2015, la delibera, da parte del Comune di Melito, che dichiarava imminente l’utilizzo dei fondi per la creazione, nell’edificio “scheletro” che campeggia in via Madrid, di una struttura polivalente. Il finanziamento, però, nel frattempo, è andato perso e non si sa, allo stato attuale, se e quando verrà nuovamente concesso. Nel corso dei decenni, l’edificio, in totale stato di abbandono, è stato vandalizzato più volte ed è diventato un ricettacolo di rifiuti di ogni genere.

La reazione del capogruppo di Melito Adesso, Raffaele Caiazza

“Non mi sento più rappresentato dall’amministrazione melitese attuale”, tuona il capogruppo della lista civica Melito Adesso, l’avvocato Raffaele Caiazza, che appoggiò l’attuale Sindaco Venanzio Carpentieri, del PD, nella sua candidatura nel 2013. “Non funziona niente- ha continuato Caiazza- in quanto, a mio avviso, c’è una totale incompetenza nell’attuale Giunta Comunale. Nessuno prende iniziative, gli Assessori mi sembrano svogliati, anche per questo è stato perso il finanziamento che avrebbe potuto far vedere la luce ad un progetto bello ed utile come quello di una struttura polivalente in una zona difficile della città”.

 

Guarda tutte le foto:

 

 

Facebook Comments

You may also like

Sant’Antimo, FI: per il sindaco Russo prima il potere poi il dovere

Dopo l’invenzione dell’assessore ‘fuori giunta’ non ci meravigliamo più di nulla”