Malasanità, due morti nel pronto soccorso della vergogna

Malasanità, due morti nel pronto soccorso della vergogna

Intanto continua i blitz dei Nas nell’ospedale nolano. Si attendono provvedimenti nei confronti dei dirigenti sanitari

NOLA – Ieri, alcune foto apparse in rete aveva mostrato le condizioni disperate in cui versa il servizio del pronto soccorso dell’ospedale di Nola dove, a causa dell’assenza di barelle, i malati venivano curati a terra, adagiati sulle coperte. Accanto ad ogni persone una striscia bianca, gialla o rossa in base all’urgenza dell’intervento.

Una situazione vergognosa che nella notte si è aggravata a causa della morte di due pazienti. Nicola Maglio, 50 anni, di San Vitaliano, è arrivato in codice bianco con un dolore al petto. Mentre i medici tentava di eseguire l’elettrocardiogramma, il paziente è morto. La seconda vittima è Alfonso Iervolino, 56 anni, di Palma Campania, che è stato adagiato su una sedia a rotelle di fortuna e dopo pochi secondi è morto.

Due morti che probabilmente non sono direttamente collegate con le condizioni dell’ospedale ma che hanno appesantito il bilancio di una giornata nera per i sanitari dell’ospedale nolano. Lo scenario è quello di un ospedale di fortuna, i medici si arrangiano come possono.

Intanto anche questa mattina all’interno del pronto soccorso è arrivato il nucleo Nas dei carabinieri per verificare documenti e disponibilità di posti letto, capire come si sia potuti arrivare ad una situazione simile. Il ministro Lorenzin segue in diretta il blitz per restare aggiornata sulla situazione e fa sapere: “I medici che operano in quester condizioni sono eroi, le responsabilità sono dei vertici sanitari”.

 

 

Facebook Comments

You may also like

Straniero ventunenne ferito nel Rione Sanità

Il ragazzo stava tentando di disarmare un delinquente su una moto, indaga la polizia