Chiavelli è un uomo misterioso

Chiavelli è un uomo misterioso

Andrea Chiavelli è, senza dubbio, uno dei membri dello staff del presidente De Laurentiis meno conosciuti e misteriosi ma, allo stesso tempo, virtuosi nel loro lavoro. Tuttavia, stranisce pensare che, praticamente, non si hanno notizie di un dirigente di primo livello di una società calcistica posizionata stabilmente al sedicesimo posto della classifica-ranking UEFA

@Saverio Nappo

NAPOLI – Andrea Chiavelli è nato a Roma nel 1967 ed è un manager legato strettamente alle attività imprenditoriali di Aurelio De Laurentiis. Non è l’inizio di una ricerca effettuata da un ragazzetto delle scuole medie. Sembrerebbe esserlo ma, invece, è tutto ciò riuscireste a trovare nello sconfinato mare di informazioni che è il web. Al netto delle abilità di ricerca che variano di soggetto in soggetto, le informazioni circa il Consigliere Delegato del Napoli sono rare come l’ossigeno ad alta quota. È facilissimo, ad esempio, perdersi nei labirinti nati dal furioso copia-incolla dei numerosissimi siti di informazioni locali e nazionali che, non trovando appiglio alcuno, altro non possono fare che riportare il riportato di altre testate. Seguendo il flusso di informazioni – più o meno verificate – l’epilogo è lo stesso: tra le mani resta un pugno di mosche o poco più.

Ritiro precampionato, Dimaro, agosto 2016

Ciò che si sa è che Andrea Chiavelli è un manager abile e scaltro oltre che vincente. Tanto che Aurelio De Laurentiis lo tiene costantemente nella sua orbita, neanche fosse un satellite umano. A dire il vero bisognerebbe prima capire chi sia il “pianeta principale” perché, risalendo la corrente di informazioni, si rischia di perdere i riferimenti noti. Ad esempio, sembra che Jacqueline Marie Baudit, non sia semplicemente la moglie del presidente del Napoli. la signora Baudit è Vice Presidente della Società Sportiva Calcio, è stata Vice Presidente e co-proprietaria della provvisoria Napoli Soccer ed è tutt’ora proprietaria del 10% delle quote societarie del club partenopeo. Il suo peso decisionale, a dire il vero, è molto più incidente di quanto si possa credere. Jacqueline Marie Baudit è presente al fianco di Aurelio De Laurentiis sin dall’età di 19 anni (Aurelio ne aveva 24, ndr). Da allora ogni decisione imprenditoriale presa da Aurelio De Laurentiis è stata fortemente influenzata, se non indirizzata, da Jacqueline.

Finale di Coppa Italia, Stadio Olimpico di ROma, Maggio 2012

Lo stesso acquisto delle ceneri del Napoli, nel lontano settembre del 2004 – le trattative durarono tutta l’estate, mentre i libri contabili dell’ormai fallita società erano già da tempo in tribunale – sembra essere stata un’operazione suggerita dalla signora Jacqueline. Operazione valutata positivamente anche dallo stesso Andrea Chiavelli. Si, perché, all’epoca, il manager romano era già stabilmente nell’orbita della Filmauro di proprietà della famiglia De Laurentiis. Ma non solo. È un’orbita dalla forma strana la sua. Un’orbita che si allarga e si restringe, danzando sulle note di investimenti milionari e bilanci costantemente positivi. Chiavelli è l’Amministratore Unico della Ccgs srl, società satellite della Filmauro, ma centro di gravità delle finanze di quest’ultima e della stessa Società Sportiva Calcio Napoli. La Ccgs srl, infatti, detiene il diritto di vendita dei diritti televisivi del Napoli quindi, di fatto, è proprietaria del 50% dei suoi ricavi.

Uffici della Filmauro, Roma, maggio 2016

Ora, vi starete chiedendo se sia normale che il proprietario del 50% ricavi della sedicesima società calcistica in Europa – ranking UEFA, aggiornamento al 19/04/2017 – sia praticamente un fantasma. No, non lo è. La posizione di Andrea Chiavelli alla Filmauro, tuttavia, sembra essere quantomeno più definibile: uomo di fiducia di Aurelio De Laurentiis, Chiavelli gestisce il capitale – economico, immobiliare e umano – dell’azienda. Per azienda, in questo caso, sarebbe corretto non riferirsi né alla Filmauro né tantomeno alla Ccgs srl sopracitata, bensì all’azienda che è la stessa famiglia De laurentiis-Baudit. È facile comprendere perché sia sempre lui il designato alla gestione dell’universo delaurentissiano. Gli immobili (su suolo americano, nel Lazio, in Toscana, in Friuli Venezia Giulia, in Campania), il parco cinematografico a Roma, l’acquisizione (in associazione con i Della Valle) dei Papigno Studio’s di Benigni e consorte, la rinascita economica della Filmauro stessa hanno, in qualche modo, due cose in comune: Andrea Chiavelli e la SSC Napoli.

Facebook Comments

You may also like

Una marea verticale, oltre il tiki taka

Mentre arrivano elogi da tutto il mondo, Mister Sarri prosegue il suo lovoro di miglioramento tattico. La capacità di adattamento all'avversario è stato un problema, durante la scorsa stagione. La partita vinta contro il Nizza ci ha detto che sembrano esserci buone notizie, a riguardo