Giù le mani dallo stadio Ianniello, è un bene di tutti i frattesi

Giù le mani dallo stadio Ianniello, è un bene di tutti i frattesi

L’Assessore Gennaro Alborino ha scelto di intervenire dopo aver letto il comunicato della Frattese

FRATTAMAGGIORE – Il calcio è da sempre un elemento importantissimo per la città di Frattamaggiore, basti considerare la passione per la maglia nerostellata e le diverse scuole calcio del territorio che, negli anni, hanno sfornato decine di talenti, tra tutti Francesco Lodi e Lorenzo Insigne.

Per questa ragione, il Comune di Frattamaggiore ha investito milioni di euro per creare strutture sportive di altissimo livello. Non è un caso che tali strutture vengano prese in considerazione per competizioni nazionali ed internazionali, tra queste ultime spiccano la Youth League (Champions League Primavera) e le future Universiadi.

L’Assessore Gennaro Alborino ha scelto di intervenire dopo aver letto il comunicato della Frattese di Serie D che scrive: “La S.S.C.D. Frattese S.r.l. dopo il diniego dello stadio Pasquale Ianniello di Frattamaggiore, per motivi poco chiari che saranno opportunamente definiti nelle sedi opportune”. Secondo l’Assessore: “non c’è nessun motivo oscuro, anzi, le motivazioni sono fin troppo chiare: la S.S.C.D. Frattese ha un ingente debito con il comune di Frattamaggiore e deve necessariamente onorarlo, nel rispetto di tutti i frattesi che pagano le tasse”.