Firmato l’accordo per la valorizzazione della fascia costiera: 14 i comuni interessati

Firmato l’accordo per la valorizzazione della fascia costiera: 14 i comuni interessati

Il presidente della regione Campania e gli amministratori locali stringono un patto per risollevare il martoriato litorale

fascia costiera

POZZUOLI – Il governatore Vincenzo De Luca questa volta rivolge la sua attenzione alla fascia costiera che si estende da Pozzuoli a Mondragone, puntando ad una valorizzazione pronta a mettere in moto la grande industria del turismo. Quattordici sono i sindaci che hanno firmato, a Santa Lucia, insieme al presidente della giunta regionale un accordo di programma per il rilancio del litorale.

«Sarà la Romagna del Sud» fu la promessa di De luca in campagna elettorale ed proprio attraverso la riunione delle Amministrazione maggiormente coinvolte (Pozzuoli, Bacoli, Monte di Procida, Giugliano e alcune del casertano) che, speriamo, si pongano le basi per la realizzazione del piano di rilancio turistico del territorio. Si prospetta la creazione, almeno secondo i firmatari, di un vero paradiso marittimo pronto a soddisfare qualsiasi esigenza mediante richiami d’interesse come centri benessere e aree sportive che andranno ad integrare il nostro patrimonio naturalistico e culturale.

Il presidente della regione Campania e gli amministratori locali stringono un patto per risollevare l’ormai martoriato litorale vittima dell’abbandono istituzionale, unico colpevole che ha portato i lidi balneari ad una lotta perenne con le problematiche ambientali, dovute a scarichi abusivi che hanno infestato la fascia flegreo-domizia con agenti inquinanti. Vincenzo Figliolia, sindaco di Pozzuoli, sostiene di aver firmato un accordo importante per il suo territorio, facendo si che questo diventi uno dei protagonisti della vicenda, ma volge la sua attenzione principalmente alle zone di Licola evidenziandone le forti potenzialità turistiche che potranno essere sfruttate solo con il raggiungimento della piena efficienza del depuratore di Cuma.

La trattativa è tesa a ottenere fondi dal programma operativo di sviluppo regionale 2014-2020 che ha come obiettivo la “pianificazione integrata per ambiti di territorio campano che necessitano di interventi di nuova infrastrutturazione, di riqualificazione e rifunzionalizzazione delle infrastrutture esistenti, di risanamento ambientale, di valorizzazione del patrimonio storico-artistico e naturale e che favoriscano la crescita dell’occupazione e della ricchezza”.

Resta aggiornato con le notizie de Il Meridiano News: clicca qui

Diventa fan su Facebook, clicca Mi Piace sulla nostra fanpage