Strage di Cisterna di Latina, Antonietta non è più in prognosi riservata

Strage di Cisterna di Latina, Antonietta non è più in prognosi riservata

La donna era stata ferita a colpi di pistola a Cisterna di Latina dall’ex marito, il carabiniere Luigi Capasso, che ha poi ucciso le due figlie e si è suicidato lo scorso 28 febbraio


antonietta gargiulo strage cisterna latina

ROMA – Antonietta Gargiulo, la 39enne ferita a colpi di pistola a Cisterna di Latina dall’ex marito, il carabiniere Luigi Capasso, che ha poi ucciso le due figlie e si è suicidato lo scorso 28 febbraio, è uscita dalla prognosi riservata all’ospedale San Camillo di Roma. A darne notizia il programma di Rai Tre “Chi l’ha visto?” nella puntata questa mattina. La donna, con il nulla osta dei sanitari. è stata trasferita dal reparto terapia intensiva a quello di chirurgia generale. Antonietta Gargiulo migliora costantemente ed è assistita dai familiari e da un’equipe di psicologi che si alternano al suo capezzale, come si apprende dalla trasmissione Rai.

Resta aggiornato con le notizie de ilmeridianonews.it, seguici su FACEBOOK, clicca QUI
LEGGI ANCHE:

La lucida follia di Luigi Capasso: aveva lasciato un assegno per i funerali di tutta la famiglia