Giugliano, panico al Lido Smeraldo: armato di ascia minaccia i dipendenti

Giugliano, panico al Lido Smeraldo: armato di ascia minaccia i dipendenti

All’arrivo delle forze dell’ordine, il malvivente ha abbandonato l’arma dandosi alla fuga a bordo di un’autovettura

Giugliano

GIUGLIANO – Armato di ascia, entra al Lido Smeraldo per commettere una rapina. I Carabinieri della stazione di Varcaturo hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di un 39enne, residente in Pomigliano d’Arco, gravemente indiziato del reato di rapina.

L’episodio è avvenuto il 3 febbraio scorso. A incastrare il 39enne il numero di targa dell’auto. Le indagini, scaturite dalla denuncia sporta dal proprietario dello stabilimento, hanno permesso di appurare che l’indagato, introdottosi all’interno dello stabilimento balneare attraverso la finestra, è stato sorpreso dal dipendente mentre rovistava all’interno del registratore di cassa.

L’uomo portava con sé una grossa ascia con lama di metallo e, incurante di essere stato scoperto, l’ha alzata ripetutamente contro il dipendente minacciando di colpirlo. All’arrivo delle forze dell’ordine, il malvivente ha abbandonato l’arma dandosi alla fuga a bordo di un’autovettura della quale il dipendente è riuscito però ad annotare il numero di targa.

Le indagini, esperite immediatamente dai militari intervenuti sul posto, hanno consentito di risalire al proprietario tramite il numero di targa dell’autovettura FIAT Punto. La foto segnaletica è stata poi mostrata al dipendente minacciato, che ha riconosciuto il rapinatore. E’ stata inoltre rinvenuta e sequestrata l’ascia utilizzata nel corso del raid.

Resta aggiornato con le notizie de Il Meridiano News: clicca qui

Diventa fan su Facebook, clicca Mi Piace sulla nostra fanpage