Condannato killer della coppia di Melito uccisa in taxi a Giugliano: “chiedo clemenza”

Condannato killer della coppia di Melito uccisa in taxi a Giugliano: “chiedo clemenza”

E’ arrivata nel primo pomeriggio di oggi  la sentenza della Quarta Sezione del tribunale di Assise d’Appello: 30 anni di carcere


clemenza taxi killer coniugi melito condannato reo confesso

GIUGLIANO – Antonio Riano, il presunto killer di Luigi Simeone e sua moglie Immacolata Assisi, freddati all’interno del taxi di loro proprietà, ha confessato. “Mi sento una persona distrutta, ammetto le mie responsabilità e chiedo clemenza”, ha detto il fioraio di Pianura. E’ arrivata nel primo pomeriggio di oggi  la sentenza della Quarta Sezione del tribunale di Assise d’Appello: 30 anni di carcere. La sentenza è stata letta in aula dalla presidente Mirra. Riano, in primo grado, era già stato condannato all’ergastolo.

I corpi dei due coniugi, del cui omicidio Riano è accusato e, stando alle ultime novità, reo confesso, erano stati ritrovati  nella cava di Masseria Monticelli a Varcaturo. Il fioraio di Pianura aveva inoltre falsificato la compravendita dell’appartamento di proprietà delle vittime. I fatti risalgono alla tarda mattinata di domenica 19 aprile del 2015, quando fu ritrovato il taxi di Luigi Simeone nei pressi della cava dove avvenne il ritrovamento. Non si esclude, tuttora, la presenza di eventuali complici.

Resta aggiornato con le notizie de ilmeridianonews.it, seguici su FACEBOOK, clicca QUI
LEGGI ANCHE:

Coppia di Melito uccisa in un taxi a Varcaturo, arriva la sentenza: ergastolo per il killer