Sanità, Beneduce (FI): “nomina commissario Ospedale dei Colli è atto gravissimo”

Sanità, Beneduce (FI): “nomina commissario Ospedale dei Colli è atto gravissimo”

“Questa vicenda è un illecito procedurale senza precedenti – aggiunge la consigliera – e non può passare sottotono consentendo a De Luca di gestire gli incarichi, tra l’altro in un settore strategico,  secondo le sue personali volontà”



beneduce

NAPOLI – “La nomina del Commissario Giordano all’Ospedale dei Colli è un atto gravissimo  in violazione delle disposizioni dell’art. 1 del D.Lgs 171/2016”. “Nonostante la procedura aperta con Avviso Pubblico approvato con DGRC  136/18 per il conferimento dell’incarico di direttore generale della A.O.R.N. dei Colli di Napoli e non ancora espletata,  De Luca nomina   un Commissario  eludendo ogni e qualsiasi forma di evidenza pubblica e trasparenza” – interviene Flora Beneduce, consigliere regionale e responsabile del Dipartimento Sanità di Forza Italia. “Ancora una volta si conferma, da parte di De Luca, una gestione personalistica degli incarichi in Sanità, già manifestata  con la nomina di Direttori Generali che ricoprono attualmente l’incarico pur non comparendo nell’elenco unico nazionale”. “La vicenda dell’Ospedale dei Colli è un illecito procedurale senza precedenti – aggiunge la consigliera – e non può passare sottotono consentendo a De Luca di gestire gli incarichi, tra l’altro in un settore strategico,  secondo le sue personali volontà”.

“Ho presentato un’interrogazione a risposta scritta – continua la Beneduce – per conoscere perché, in presenza di un avviso pubblico con termine di presentazione delle domande fissato al 5 aprile scorso, si cambia percorso e si nomina un Commissario”. “Ma De Luca non aveva ripetutamente detto “BASTA CON I COMMISSARIAMENTI?” Su questa questione, oltre all’interrogazione, sto predisponendo un quesito indirizzato alla Funzione Pubblica e al Ministero della Salute perché la legge esige rispetto soprattutto da parte di chi rappresenta le Istituzioni” – conclude la Beneduce.