Gomorra 4, fine riprese per Marco D’Amore da regista. Nuove voci su Ciro di Marzio

Gomorra 4, fine riprese per Marco D’Amore da regista. Nuove voci su Ciro di Marzio

Il suo personaggio potrebbe ricomparire. “Abbiamo girato cose veramente belle, un grazie al mio amico marco D’Amore”, ha detto poi Salvatore Esposito nel salutarlo



DALLA TV – Ciro di Marzio ancora in scena? Secondo gli ultimi rumors potrebbe essere così. Sono ancora in corso le riprese di “Gomorra La Serie”, giunta ormai alla sua quarta e, probabilmente, ultima stagione. Le prime tre hanno avuto un enorme successo, tanto in Italia, quanto all’estero, in particolare in Spagna e nel Regno Unito. In un crescendo di colpi di scena e sulla base di una moralità piuttosto assente nei protagonisti, la Serie Crime prodotta da Sky Atlantic, e sceneggiata, tra gli altri, dallo scrittore Roberto Saviano, già autore dell’omonimo libro, best-seller del 2006, potrebbe essere giunta alla sua ultima stagione. Diversi, come sappiamo, i pezzi da novanta che hanno abbandonato la scena, morti per mano di questo o quell’altro personaggio, nelle stagioni precedenti. Da Zecchinetta, fedele “colonnello” di Don Pietro Savastano, e Donna Imma, figura centrale, nella prima serie, a Salvatore Conte e Don Pietro nella stessa stagione, a Malammore, l’altro fedele scudiero del boss padre di Genny, a Ciro di Marzio. E proprio su quest’ultimo, da sempre figura centrale nell’arco narrativo delle vicende narrate sullo sfondo del lato oscuro di Napoli, si fanno insistenti i rumors. Ciro di Marzio è apparentemente morto al termine della terza stagione, con Genny che, anche per salvarsi la pelle non assumendosi la responsabilità della morte della sorella di Enzo Sangue Blu, si trova ad essere costretto ad uccidere il suo eterno amico-nemico.  E proprio ieri, martedì 24 luglio 2018, Marco D’Amore, l’attore che appunto interpretava (o interpreta?) Ciro di Marzio ha terminato le riprese degli episodi in cui è stato sul set in veste di regista. “Abbiamo girato cose veramente belle, un grazie al mio amico marco D’Amore”, ha detto poi Salvatore Esposito nel salutarlo.

Le riprese di “Gomorra La Serie”, giunta ormai alla sua quarta e, probabilmente, ultima stagione, sono però ancora in corso. Alla regia, oltre al già citato Marco D’Amore, troveremo ancora i collaboratori di Stefano Sollima, Claudio Cupellini e Francesca Comencini. Le prime tre serie hanno avuto un enorme successo, tanto in Italia, quanto all’estero, in particolare in Spagna e nel Regno Unito. In un crescendo di colpi di scena e sulla base di una moralità piuttosto assente nei protagonisti, la Serie Crime prodotta da Sky Atlantic, e sceneggiata, tra gli altri, dallo scrittore Roberto Saviano, già autore dell’omonimo libro, best-seller del 2006, potrebbe essere giunta alla sua ultima stagione. Diversi, come sappiamo, i pezzi da novanta che hanno abbandonato la scena, morti per mano di questo o quell’altro personaggio, nelle stagioni precedenti. Da Zecchinetta, fedele “colonnello” di Don Pietro Savastano, e Donna Imma, figura centrale, nella prima serie, a Salvatore Conte, e i sue scagnozzi O’ Mulatto e O’ Principe, e Don Pietro nella stessa stagione, a Malammore, l’altro fedele scudiero del boss padre di Genny, a Ciro di Marzio. E proprio su quest’ultimo, da sempre figura centrale nell’arco narrativo delle vicende narrate sullo sfondo del lato oscuro di Napoli, si fanno insistenti i rumors. Ciro di Marzio è apparentemente morto al termine della terza stagione, con Genny che, anche per salvarsi la pelle non assumendosi la responsabilità della morte della sorella di Enzo Sangue Blu, si trova ad essere costretto ad uccidere il suo eterno amico-nemico.

La drammatica fine sulla barca e l’inquadratura del protagonista della serie che affonda con tanto di bollicine (che per qualcuno rappresentano una vana speranza che Ciro non sia davvero passato a miglior vita) potrebbero non essere state le ultime inquadrature di Marco D’Amore. Secondo indiscrezioni che sono trapelate, infatti, l’attore, che ha firmato la regia di due episodi,  potrebbe comparire nuovamente in scena. In quella che sarebbe una svolta narrativa nella Serie TV, infatti, Ciro di Marzio potrebbe infatti diventare una sorta di “coscienza di Genny”, rivivendo ai suoi occhi in diversi flashback, consigliando l’amico sul da farsi nelle diverse situazioni in cui si verrà a trovare. Una situazione per certi versi simili a quella rappresentata in “Romanzo Criminale”, con il Libanese, interpretato da Francesco Montanari, che compariva più volte agli occhi del Dandy, quasi sempre per fargli notare i suoi errori, il suo egoismo in particolare. L’artifizio narrativo, dunque, con un significato probabilmente diverso, potrebbe riapparire nella quarta stagione di Gomorra, consentendo così al pubblico di apprezzare nuovamente sulla scena uno dei protagonisti più attesi.

LEGGI ANCHE:

Gomorra 2 La Serie, esclusiva: parla Totò O’Mulatto, al secolo Luca Gallone