Pastore ucciso a colpi di pistola: stava scontando una condanna per abusi sessuali

Pastore ucciso a colpi di pistola: stava scontando una condanna per abusi sessuali

Il 45enne era stato accusato dapprima d’istigazione al suicidio di una 15enne, di cui abusava sessualmente, che si era tolta la vita il 6 Gennaio del 2008, impiccandosi ad un albero vicino la sua abitazione.



BENEVENTO – E’ stato trovato morto all’interno della sua abitazione Giuseppe Matarazzo, pastore di 45 anni anni, residente in contrada Serra a Frasso Telesino, poco distante dal centro abitato di un piccolo comune in provincia di Benevento.

La vittima era in regine di detenzione dal 2010 presso i carcere di Napoli dove stava scontando una pena di 10 anni per violenze sessuali .

Sul posto gli uomini delle forze dell’ordine hanno effettuato i dovuti rilievi del caso nel tentativo di stabilire l’esatta dinamica di quanto accaduto. Materazzo è stato trucidato a colpi di pistola nel suo cortile di casa, non si esclude nessuna ipotesi investigativa.

Il 45enne era stato accusato dapprima d’istigazione al suicidio poiché una 15enne, con cui l’indagato ha sempre sostenuto di aver avuto rapporti sessuali consenzienti come con la sorella più grande con cui dichiarò di aver avuto una vera e propria relazione, si era tolta la vita il 6 Gennaio del 2008, come riporta Edizione Caserta, impiccandosi ad un albero vicino la sua abitazione.

Pare che il presunto assassino abbia raggiunto Giuseppe Matarazzo fin dentro casa, per poi allontanarsi senza essere notato da nessuno, almeno stando alle prime indagini avviate dai carabinieri. Che per ora non si sbilanciano sul movente.

DIVENTA FAN DELLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

TORNA ALLA HOME