Rapina finisce nel sangue: assaltano un locale e fanno fuoco contro il titolare

Rapina finisce nel sangue: assaltano un locale e fanno fuoco contro il titolare

Il gruppo per guadagnarsi la fuga ha esploso i colpi contro il malcapitato


rapina

NAPOLI – Questa mattina, nell’ambito dell’attività istituzionale di repressione dei reati predatori, personale della squadra Mobile, sezione Criminalità Diffusa, ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip presso il Tribunale per i Minorenni di Napoli, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di due soggetti minorenni, gravemente indiziati di tentata rapina pluriaggravata, tentato omicidio e porto di arma da fuoco clandestina.

L’indagine molto complessa ed articolata, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il tribunale di Napoli, settima sezione della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Napoli, è stata avviata in seguito al tentativo di rapina posto in essere il 15 lugio 2018, ai danni di un pub del quartiere Pianura, durante la quale è rimasto gravemente ferito il titolare dello stesso.

In particolare i malviventi con volto travisato a bordo di uno scooter, dopo essere arrivati nei pressi dell’esercizio commerciale, hanno esploso diversi colpi di arma da fuoco contro l’ingresso del locale. Dopo si sono avvicinati al titolare e lo hanno minacciato di consegnare l’incasso nelle loro mani. L’uomo però ha reagito ed i raèinatori per guadagnarsi la fuga hanno sparato contro il gestore, colpendolo in parti vitali.

Dopo le indagini, è stato arrestato Giuseppe Carro, l’unico maggiorenne del gruppo. Tutti gli autori del colpo sono contigui al clan “Vigilia”, egemone nel quartiere Soccavo”.

COMUNICATO STAMPA

Resta aggiornato con le notizie de Il Meridiano News: clicca qui

Diventa fan su Facebook, clicca Mi Piace sulla nostra fanpage