Terra piatta, giganti e altre follie: convegno “flat Earth” nel napoletano

Terra piatta, giganti e altre follie: convegno “flat Earth” nel napoletano

I terrapiattisti non vogliono essere controllati e vogliono distinguersi dalla massa


Terra

AGEROLA – La terra è piatta, l’Australia non esiste, tutto ciò che esiste sulla terra è stato creato da una tecnologia super avanzata ed è stato impiantato sul nostro pianeta, compresi noi esseri umani ed Albert Einstein era solo un massone al servizio dei poteri forti. Sono queste alcune delle tesi che sostengono i Terrapiattisti e cioè coloro che sono convinti che il pianeta Terra non sia sferico bensì piatto.

Uno degli ultimi convegni dei terrapiattisti, si è tenuto ad Agerola, comune che affaccia sulla costiera amalfitana. Qui, queste persone hanno dato libero sfogo a tutte le loro idee stravaganti e ad essere presente a questo convegno, è stato il giornalista Gaston Zama della trasmissione Mediaset “Le iene”.

“Tutti noi siamo stati ingannati fin dal primo giorno, il nostro pianeta Terra non è una sfera, non è tonda: è piatta”; con questa frase assurda di uno dei sostenitori della Terra piatta inizia il servizio dell’inviato Mediaset, ma andiamo più nel dettaglio per vedere chi sono queste persone e cosa sostengono.

Un viaggio tra delirio e favole: basta guardare le loro mappe e sentire quando parlano di territori sconosciuti e ancora inesplorati. In assoluta contrapposizione a qualsiasi testo e nozione storica e scientifica condivisa dal resto dell’umanità.

I dinosauri non sono mai esistiti. Le loro ossa sono le ossa degli antichi Giganti. Ecco, per esempio, perché la Basilica di San Pietro o il Duomo di Milano hanno porte alte dieci metri! Sono stati costruiti da Giganti per i Giganti.

Intorno alla terra piatta c’è un’altissima montagna di ghiaccio, presidiata da un esercito di Guardiani, da più di duemila anni. E al convegno a un certo punto se la prendono pure la forza di gravità: non esiste nemmeno quella.

I DETTAGLI

Queste alcune delle tesi più stravaganti sostenute da questo “movimento”, ma il culmine arriva quando si parla “dell’effetto pac-man“, e cioè,  gli aerei che volano da New York a Tokio per esempio, entrano in una sorta di buco nero o comunque in un’altra dimensione per poi passare dall’altra parte del pianeta.

Dunque, con queste tesi stravaganti, vengono a cadere tutte le certezze che l’umanità ha avuto fino a questo momento e tutti gli studi fatti dai maggiori scienziati della storia, sono stati vani anzi, “sono solo teorie fatte dai poteri forti per avere il controllo dell’umanità”. Loro, i terrapiattisti non vogliono essere controllati e vogliono distinguersi dalla massa perchè sono “persone libere” e quindi non si conformano a tutte le certezze avute fino ad ora.

Ma ritorniamo un attimo alle tesi sulla basilica di San Pietro ed al duomo di Milano, che secondo alcuni adepti sono state costruite dai giganti in quanto hanno misure altissime, molto più alte della normale altezza dell’ essere umano. Per i terrapiattisti infatti, la basilica di San Pietro a Città del Vaticano, non è stata costruita sotto il comando di papa Giulio II e papa Urbano VIII, bensì dai giganti. Le misure sproporzionate della basilica infatti, sono dovute proprio per permettere l’ingresso dei giganti; quindi addio dinosauri, le ossa ritrovate sono dei giganti.

Da tutte le fonti storiche, si può apprendere che: La costruzione dell’attuale basilica di San Pietro fu iniziata il 18 aprile 1506 sotto papa Giulio II e si concluse nel 1626, durante il pontificato di papa Urbano VII, ma per loro no, è opera dei giganti. Giganti che avrebbero costruito anche il duomo di Milano, simbolo indiscutibile e meta turistica del capoluogo lombardo.  Non finisce qui però, tutti gli studi e le scoperte effettuate dai maggiori studiosi e scienziati della storia, sono tutte fandonie.

Il “movimento dei terrapiattisti”, dunque, non si limita a sostenere soltanto che la Terra è piatta ma scredita tutte le maggiori scoperte che l’essere umano ha fatto fino ad oggi. C’è addirittura chi sostiene che salendo su una montagna norvegese, è riuscito a vedere l’Australia ad occhio nudo, peccato che non siano saltati i canguri. Allora la domanda è lecita: l’Australia esiste o non esiste? Anche questo adepto è un massone e vuole farci credere che l’Australia esiste? Esistono i canguri? E la domanda che tutti gli appassionati di calcio si fanno è: Da quale nazione proviene la nazionale australiana? Alessandro Del Piero dopo l’addio alla Juventus dove ha giocato? Vuoi vedere che la nazionale australiana sia una selezione di tutti i massoni che ci prendono in giro tutti i santi giorni? Poveri canguri, chissà da chi sono stati creati e dove siano in realtà.

Si potrebbe parlare ancora a lungo di questo movimento ma una cosa la si deve ammettere l’Australia non esiste!

Resta aggiornato con le notizie de Il Meridiano News: clicca qui

Diventa fan su Facebook, clicca Mi Piace sulla nostra fanpage