Bombe e spari per tentare estorsione all’imprenditore: in manette due fratelli

Bombe e spari per tentare estorsione all’imprenditore: in manette due fratelli

Gli agenti di polizia sono sulle tracce del terzo complice


estorsione

NOCERA INFERIORE – I poliziotti del commissariato Nocera Inferiore hanno arrestato, per tentata estorsione continuata e aggravata in concorso, due fratelli napoletani, Salvatore Cuccaro, 42 anni e Alessio Cuccaro, entrambi pregiudicati. L’indagine nasce da alcuni episodi avvenuti ai danni di un noto imprenditore di Nocera Inferiore operante nel settore petrolifero, Giuseppe De Marinis, noto imprenditore degli oli lubrificanti e presidente della Nocerina alla fine degli anni Duemila.

Nella notte tra il 18 e il 19 gennaio 2017, davanti all’abitazione di quest’ultimo, a Nocera Inferiore, veniva collocato un ordigno esplosivo che danneggiava il cancello carraio. Il 12 gennaio 2018 venivano esplosi 9 colpi di pistola contro la stessa abitazione. I due episodi erano stati preceduti e seguiti da una serie di minacce e intimidazioni all’indirizzo dell’industriale e dei suoi familiari, consistenti in messaggi, telefonate e invio di foto che avevano lo scopo di ottenere la restituzione di una ingente somma di denaro prestata dagli arrestati all’imprenditore, per un investimento in Spagna nel settore petrolifero (olii lubrificanti) nella zona di Algete (Madrid) per un ammontare di circa 700mila euro.

Gli agenti di polizia hanno fatto irruzione in tre abitazioni di San Giorgio a Cremano e Ponticelli, dove hanno arrestato i due fratelli, che ora si trovano rispettivamente agli arresti domiciliari e all’obbligo di dimora con braccialetto elettronico. Un terzo complice, sottrattosi alla cattura, è ricercato.