Il mercato del Napoli resta ancora sottotraccia, tra presente e futuro

Il mercato del Napoli resta ancora sottotraccia, tra presente e futuro

Giuntoli lavora per integrare la rosa e guarda con interesse a Genova, dove potrebbe scapparci il gran colpo


NAPOLI – Sfumati i bagordi natalizi ed in attesa della ripresa del campionato, impazza il calcio-mercato ed il Napoli, in questa fase resta abbastanza guardingo ed apparentemente inoperoso, in attesa di piazzare il colpo giusto, in caso di necessità e urgenza che, attualmente sembra non esserci.

E’ un Napoli che lavora più sul medio e lungo periodo che non nell’immediato, riservandosi però di stare sempre sul pezzo qualora si possa sbloccare qualche operazione, sia in entrata che in uscita, sulle quali Giuntoli sta lavorando.

Entrando più nel dettaglio ed analizzando reparto per reparto, si evidenzia subito il fatto che gli azzurri dovrebbero (condizionale d’obbligo) modificare qualcosa, se vi fosse opportunità, soprattutto nella zona mediana, dove qualche perplessità si è palesata durante la prima parte della stagione e, soprattutto, nell’ultimo mese.

Diawara e Rog non soo in sintonia con il progetto di Ancelotti e va registrato il malumore dei due ragazzi che vorrebbero giocare ed essere coinvolti di più nelle dinamiche di squadra. C’è da dire, però, che ogni qual volta il guineano ed il croato sono stati chiamati in causa dal tecnico romano, mai hanno dato davvero l’impressione di poter garantire lo stesso livello di qualità alla squadra, Ecco perchè, almeno uno dei due potrebbe essere ceduto, anche a titolo temporaneo, per garantire loro più spazio in un’altra squadra e maturare l’esperienza necessaria per poter tornare a Napoli con un bagaglio tecnico e di esperienza sicuramente maggiore.

In entrata, si parla di un forte interesse per Barella, ma l’entrata preopotente del Chelsea sul ragazzo, fa sì che la pista che porta al centrocampista del Cagliari diventi più impervia ed irta d ostacoli. Non si registrano altri nomi su cui il Napoli lavora, almeno a centrocampo, ma il mercato termina il 31 Gennaio e spazio ed interesse per altri centrocampisti non mancherà.

Previsti pochi movimenti sul pacchetto difensivo, anzi azzarderei dicendo nessun movimento. Meret è rientrato a tutti gli effetti in rosa così come Ghoulam, che lentamente sta riprendendo il ritmo gara. Con Albiol e Koulibaly inamovibili, Luperto e Maksimovic, in attesa del rientro di Chiriches, anche il reparto centrale non sembra aver bisogno di grandi ritocchi. A destra invece, potrebbe scoppiare la bomba-Hysaj.

Hysaj-Napoli, malumore in corso?

Il laterale albanese da qualche tempo non è più permeato dai crismi della titolarità fissa e sta risentendo oltremodo dello scarso utilizzo che Ancelotti ne fa. Da prima a quarta scelta nell’arco di pochi mesi e scavalcato nelle gerarchie da Malcuit, Maksimovic e perfino da Callejon, Hysaj non sta prendendo bene questa regressione e non ha mancato di manifestare il suo malcontento, ma da qui a parlare di una sua cessione, già a Gennaio ce ne vuole. Se ne può parlare in estate, se le cose non dovessero cambiare.

In attacco c’è un evidente problema di affollamento: troppi calciatori per pochi posti disponibili. Milik, Mertens ed Insigne si giocano spesso i due slot dedicati agli attaccanti centrali, mentre sugli esterni c’è più imbarazzo della scelta. Verdi, Zielinski, Ounas, Callejon e Younes e aggiungerei Ruiz, sono un po’ troppi e non molto bene assortiti. Il 4-4-2 di Ancelotti potrebbe essere più efficace con due tornanti vecchia maniera – alla Lentini o alla Donadoni, giusto per citare due ex-compagni di squadra del mister – che con mezze punte, mezze ali ed attaccanti esterni schierati fuori ruolo.

Ounas e Younes potrebbero essere i principali indiziati per sfoltire la rosa in quella zona del campo. Entrambi potrebbero essere inseriti in qualche trattativa per arrivare ad altri calciatori. Si guarda a Genova, dal lato del grifone, laddove il Napoli ha puntato i fari sul duo d’attacco che sta facendo faville alla luce della lanterna. Piatek e Kouamè sono due target sensibili; molto difficile arrivare al centravanti polacco mentre è molto più fattibile e verosimile la trattativa che porterebbe a Napoli il giovane ivoriano. Resta da capire, se tutto andasse per il verso giusto, se quest’ultimo arriverebbe già a Gennaio oppure in estate.

Altro nome fattibile resta Almendra, ma per il momento non arriva la sferzata decisiva che sblocchi l’operazione. Dovesse concludersi in modo positivo, il talentuoso centrocampista del Boca Junior, verrebbe girato in prestito, per permettergli di fargli acquisire l’esperienza necessaria per poter giocare nel Napoli ed in Serie A.

RESTA AGGIORNATO. CLICCA SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK