Paura in carcere: detenuto muore per febbre alta

Paura in carcere: detenuto muore per febbre alta

Un altro detenuto ha dato fuoco alla propria cella e si è provocato ferite volontariamente


CARCERE

NAPOLI – Drammatici episodi si sono verificati all’interno del carcere di Poggioreale a Napoli: un uomo di 34 anni, con già precarie condizioni di salute, è deceduto per un arresto cardiaco e un giovane di 21 anni si è ferito volontariamente dopo incendiato la sua cella.

Il detenuto morto si trovava nel padiglione Milano e aveva febbre molto alta: quando si è aggravato, non si è fatto in tempo a chiamare i soccorsi. L’altro ragazzo, invece, era collocato nel padiglione Avellino e dopo aver dato fuoco alla sua cella, è stato trasferito in un altra zona del carcere, chiamata “Protetti”, provocandosi delle ferite sul corpo.

La notizia, diffusa da “Il Mattino”, è stata resa nota dal garante dei detenuti della Regione Campania Samuele Ciambriello che chiede insistentemente a chi di dovere di controllare se, all’interno delle carceri, siano correttamente funzionanti strumenti necessari come i defibrillatori. Inoltre, è ritenuto necessario introdurre un numero più elevato di agenti di polizia penitenziaria che possano sorvegliare meglio la situazione insieme a più infermieri e medici.

TORNA ALLA HOME E VISITA LA PAGINA FACEBOOK