Primarie PD, polemica a Villaricca: botta e risposta tra Chianese e Granata

Primarie PD, polemica a Villaricca: botta e risposta tra Chianese e Granata

Il consigliere di maggioranza: “se all’interno del partito candidiamo soggetti che dalla mattina alla sera fanno opposizione allo stesso, non ci lamentiamo se poi questo stenta a Ripartite”


Villaricca

VILLARICCA – All’indomani delle primarie del PD, non mancano polemiche nel partito di centro sinistra. In tutta Italia, nella giornata di domani, si terranno le votazioni per eleggere il nuovo segretario del Partito Democratico. A Villaricca però, c’è un acceso diverbio tra Nello Chianese, consigliere comunale di maggioranza del comune di Villaricca ed Aniello Granata, consigliere di opposizione dello stesso comune entrambi candidati all’assemblea regionale del PD.

Il candidato Chianese infatti, in un lungo post su Facebook attacca il collega e sottolinea che in una lista che appoggia il candidato Zingaretti, si è candidato proprio Aniello Granata che alle comunali si è schierato contro il Sindaco del PD Maria Rosaria Punzo. A detta del consigliere di maggioranza, all’interno del PD esiste uno statuto in cui è specificato che chi si è candidato contro il Partito Democratico come appunto ha fatto Granata alle comunali, non potrebbe candidarsi all’interno del partito.

Questo il post polemico pubblicato da Nello Chianese: Spulciando le liste dei vari candidati all’assemblea Nazionale Del Partito Democratico nel mio collegio, mi è balzato all’occhio una candidatura alquanto anomala nella lista “Con il Lavoro per Zingaretti”.

In pratica, uno dei candidati a sostegno di Nicola Zingaretti è un consigliere di opposizione villaricchese, non iscritto al circolo Pd cittadino, candidato alle scorse amministrative in contrapposizione alla colazione locale del PD guidata dall’attuale Sindaco Maria Rosaria Punzo. Capisco che il principio fondamentale del nostro Partito è la democrazia, però caro Nicola Zingaretti se candidiamo soggetti che dalla mattina alla sera fanno #opposizione allo stesso, non ci lamentiamo se poi questo stenta a Ripartite!

Immediatamente dopo aver pubblicato il post su Facebook, è arrivata la risposta di Aniello Granata: “stavo pensando, è peggio chi non è iscritto nel PD o chi sta nel PD e governa a livello locale con Forza Italia e altre liste di destra?

Dopo questa risposta si è accesa una vera e propria polemica. Chianese non ci sta ed attacca il collega con un commento che ha il sapore di una vera sfida: “mi rendo conto che hai serie difficoltà nel comprendere ciò che ho scritto. Come vedo che hai altrettante difficoltà nel comprendere cosa significa “opposizione” è cosa significa alleanza. Bene, anzi benissimo – così inizia il consigliere di maggioranza, che continua – Cerco di spiegarti un po’ le cose come stanno. Il PD ha uno statuto, (ora lo sai!), tale statuto in buona sostanza è un pezzo di carta dove sopra ci sono scritte un bel po di cose.

Tra queste cose c’è un trafiletto che sancisce il seguente principio: “i soggetti che si sono candidati CONTRO le liste del PD a qualunque livello, non potranno rinnovare o fare la tessera e non potranno prendere parte alla vita attiva dello stesso. Aggiungerei, ovviamente!! Oltre al fatto che per poter essere candidato all’assemblea devi essere tesserato. Da quello che mi risulta almeno a Villaricca non lo sei. Forse lo sarai da qualche altra parte del mondo, bene! Ho chiesto una verifica anche di questo per chiederne successivamente l’annullamento sempre per i principi di cui sopra. Pertanto in soldoni, la tua candidatura nelle liste del partito è “abusiva” e va annullata. Capisco la voglia matta di dimostrare il tuo peso politico sul territorio, (del quale te ne ricordi solo in campagna elettorale) ma dico io, visto il risultato delle scorse elezioni penso sia inutile.

Resta aggiornato con le notizie de Il Meridiano News: clicca qui

Diventa fan su Facebook, clicca Mi Piace sulla nostra fanpage