Melito, serrata American Laundry: proteste e niente biancheria all’ospedale

Melito, serrata American Laundry: proteste e niente biancheria all’ospedale

L’azienda, che occupa 400 dipendenti, è commissariata per interdittiva antimafia


MELITO – Dopo il mancato dialogo con le istituzioni, continuano le proteste dei lavoratori dell’American Laundry – senza stipendio da 3 mesi – che annunciano nuovi scioperi con la pretesa di essere ascoltati e aiutati.

Da venerdì non consegnano la biancheria agli ospedali e annunciano lotta serrata. Saranno in assemblea permanente fino a quando non otterranno un incontro risolutivo.

Una protesta che avrà, quindi, ripercussioni anche sugli ospedali e soprattutto sui pazienti.

L’azienda, che occupa 400 dipendenti, è commissariata per interdittiva antimafia; nel mese di aprile scorso, per effetto di una sentenza del Tar, su cui pende ricorso al Consiglio di Stato per presunte irregolarità fiscali risalenti al 2017, s’è vista di fatto estromessa dagli appalti in corso, a seguito della firma della nuova convenzione tra la Soresa, società di committenza sanitaria della Regione e la ditta concorrente, seconda alla precedente gara d’appalto.

Per questo i dipendenti rischiano il posto di lavoro e da qualche mese sono in agitazione. Sul posto per dare supporto ai dipendenti anche la consigliera comunale di Giugliano, Anna Russo.

LE INTERVISTE

⛔️ AMERICAN LAUNDRY: SITUAZIONE INSOSTENIBILE, ORA DISAGI ANCHE PER GLI OSPEDALILeggi ▶️ https://bit.ly/30AMDuu

Geplaatst door Il Meridiano News op Maandag 20 mei 2019

⛔️ MELITO, SERRATA AMERICAN LAUNDRY: PROTESTE E NIENTE BIANCHERIA AGLI OSPEDALILeggi ▶️ https://bit.ly/30AMDuu

Geplaatst door Il Meridiano News op Maandag 20 mei 2019