Già condannato per furto aggravato, ruba ancora sotto i treni: finisce in carcere

Già condannato per furto aggravato, ruba ancora sotto i treni: finisce in carcere

L’uomo deve scontare la pena di 1 anno e 4 mesi di reclusione


treni

NAPOLI – I poliziotti del Compartimento di Polizia Ferroviaria per la Campania hanno tratto in arresto D.A. nato in Guinea nel 1985, per il reato di furto aggravato. Poc’anzi la control room di protezione aziendale di R.F.I. aveva segnalato al centro operativo compartimentale della Polfer la presenza, nell’impianto di Napoli Traccia, di una persona sospetta che si aggirava tra i treni Frecciarossa in sosta.

Giunti sul posto, i poliziotti si sono trovati al cospetto dell’uomo, già noto agli operatori, arrestato per ben due volte per analoghi reati per i quali era già stato condannato e sottoposto agli obblighi di presentazione alla Polizia Giudiziaria.

L’extracomunitario, dopo aver scavalcato la recinzione e rubato materiale di componentistica, quali rubinetti, commutatori elettrici ed altri piccoli pezzi da un locomotore ETR 500 (Frecciarossa), ha tentato invano la fuga nascondendo la refurtiva e gli attrezzi idonei allo scasso in uno zaino, ma è stato ancora una volta tratto in arresto per furto aggravato e condotto negli uffici della Polizia Ferroviaria per gli adempimenti di competenza. Nella mattinata odierna, giudicato con il rito direttissimo, è stato condannato ad 1 anno e 4 mesi di reclusione in regime di
custodia cautelare in carcere.

COMUNICATO STAMPA

Resta aggiornato con le notizie de Il Meridiano News: clicca qui

Diventa fan su Facebook, clicca Mi Piace sulla nostra fanpage