Il Napoli culla il sogno James Rodriguez: la “mission impossible” dell’estate azzurra

Il Napoli culla il sogno James Rodriguez: la “mission impossible” dell’estate azzurra

In questi giorni il talento colombiano è accostato con insistenza alla squadra azzurra, ma la strada che porta al fantasista è ostacolata da due nodi cruciali: il cartellino e lo stipendio


james rodriguez

NAPOLI – Dopo l’ufficializzazione dell’acquisto di Di Lorenzo, il mercato del Napoli è in pieno fermento. I nomi circolano, le voci impazzano, le suggestioni fanno sognare. Ma in queste ultimi giorni l’accostamento di James Rodriguez sta diventando qualcosa più di una suggestione.

Il colombiano è un nome grosso, un pezzo pregiato di questo mercato che, in quanto tale, è appetibile da tanti altri top clubs, Napoli a parte. E per quanto possa essere affascinante l’idea di portare il trequartista del Real Madrid non si può non tener conto delle tante problematiche che possono sorgere in una trattativa per un calciatore così importante.

Di base, c’è sicuramente il benestare di Ancelotti all’operazione. Un innesto come James Rodriguez sarebbe un indubbio miglioramento della qualità del parco attaccanti della squadra azzurra. Uno di quei giocatori per cui Ancelotti sarebbe disposto a modificare l’idea tattica che ha proposto per tre-quarti della scorsa stagione, modificandone i dettami e modellandola attorno al fantasista colombiano.

Ma è decisamente presto per parlare di discorsi tecnico-tattici. Ci sarebbero da sciogliere i fondamentali nodi del costo del cartellino e dell’ingaggio del calciatore; sia uno, sia l’altro decisamente fuori parametro per la società partenopea. Sebbene ci sia il gradimento di James a vestire la maglia azzurra, scelta orientata sopratutto dalla presenza di un allenatore carismatico come Ancelotti, il suo ingaggio è di quelli davvero onerosi:

Rodriguez con la maglia del Bayern Monaco

Rodriguez attualmente percepisce uno stipendio netto di circa di dodici milioni l’anno, francamente cifre che il Napoli non può permettersi di spendere. Per la buona riuscita dell’operazione occorrerebbe anche un bel passo avanti del giocatore, che dovrebbe accettare di ridursi sensibilmente lo stipendio. Ma lo farebbe davvero? Dipende dalla sua volontà di giocare a Napoli e di far tornare a brillare la sua stella, offuscata da qualche stagione non all’altezza delle aspettative, soprattutto al Bayern Monaco.

E, naturalmente, ci sarebbe da convincere anche il Real Madrid, detentore del cartellino che, ovviamente cercherà di non rimetterci tanti milioni da un’eventuale operazione del genere. Rodriguez è sicuramente un calciatore che non rientra nel progetto tecnico di Zidane, ma il club madrileno non chiede meno di 40-50 milioni per il cartellino del colombiano, arrivato in Spagna, dal Monaco, subito dopo il mondiale brasiliano del 2014, al “modico” prezzo di ottanta milioni.

L’idea della società capitolina è quella di non svalutare fortemente il capitale, creando così una minus-valenza, sperando in una Copa America in cui Rodriguez possa recitare una parte da protagonista, in modo da poterlo vendere “meglio”. Occhio, pertanto, alle squadre inglesi, che cifre di quel genere possono tranquillamente sborsare, per non parlare del fascino della Premier che, onestamente, è un campionato di categoria superiore alla nostra Serie A e che potrebbe suscitare l’attenzione e l’interesse del giocatore.

Ovviamente, al Napoli non converrebbe e l’idea migliore sarebbe quella di chiudere l’operazione quanto più in fretta possibile. Ma tra il dire ed il fare, c’è di mezzo…un oceano. A noi, non resta che aspettare.

RESTA AGGIORNATO, TORNA ALLA HOME PAGE E CLICCA SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK