A POZZUOLI APRE “IL PARCO DELL’AMORE”. 5 EURO PER 2 ORE DI PRIVACY CON TANTO DI KIT PER IL SESSO SICURO

A POZZUOLI APRE “IL PARCO DELL’AMORE”. 5 EURO PER 2 ORE DI PRIVACY CON TANTO DI KIT PER IL SESSO SICURO

Pozzuoli. Diciamoci la verità, chi da adolescente non ha mai desiderato di trovare un posto simile? Ore ed ore a girare con la ragazza in macchina per cercare un posto isolato ma non troppo, nascosto ma carino, un posto dove poter stare insieme senza per forza dover pagare quanto un cinema più una pizza, una camera d’albergo.

@Armando Di Nardo

Ebbene, l’idea non è stata di Tony Tammaro, simpaticissimo artista napoletano che cantava: “Nun sarà ‘na, stanza ma è buono pure ‘o parco ‘a Rimembranza stasera…” ma di due fratelli giuglianesi, Riccardo e Daniele, che in tempo di crisi si sono reinventati imprenditori, e a Pozzuoli hanno inaugurato ” La Parada del Amor” un parcheggio nei pressi della solfatara, dove poter sostare in totale tranquillità. Trentadue posti auto divisi gli uni dagli altri da teloni per garantire a tutti la privacy. Ai clienti, inoltre, consegnano un kit per il sesso sicuro e un opuscolo che allerta sui rischi delle malattie sessualmente trasmissibili.

L’iniziativa non ha trovato però l’approvazione del sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia, che ha disposto immediati controlli, precisando di non aver concesso nessuna autorizzazione. “Nessuno ha mai autorizzato la realizzazione sul territorio comunale di un posto del genere – ha dichiarato il sindaco – in ogni caso sono stati disposti accertamenti in modo da chiarire tutti i passaggi burocratici fatti. Siamo pronti ad intervenire in tutte le sedi per tutelarci”.

Secondo indiscrezioni, i titolari della “struttura alternativa” avrebbero presentato una dichiarazione di inizio attività per un parcheggio, senza specificare altro.

Molti invece, sembrano sposare l’iniziativa perché la struttura essendo privata, recintata e con accesso libero, garantisce riservatezza sia dall’esterno che dall’interno.

In effetti, meglio un luogo chiuso e controllato che file di macchine su strade isolate che cercano riparo da occhi indiscreti.

E poi, caro sindaco, non ci dica che lei da adolescente non l’ha mai fatto…