COLPO AL CLAN MALLARDO. SEQUESTRATI 17 MILIONI DI EURO

COLPO AL CLAN MALLARDO. SEQUESTRATI 17 MILIONI DI EURO

GiuglianoBlitz dei Gi.co che dalle prime ore del mattino sono impegnati in un’operazione di sequestro ai beni del clan Mallardo, per un valore di 17 milioni di euro. Si tratta di ville, appartamenti, imbarcazioni, ditte, auto di lusso, quote societarie, conti correnti e 12 orologi di marchi prestigiosi.

Le indagini patrimoniali delegate al Gi.co della Guardia di Finanza di Napoli, hanno riguardato in particolare l’assetto riconducile a Feliciano Mallardo, detto ‘o sfregiato, attualmente detenuto, e ad alcuni dei suoi più stretti sodali.


 

Sono stati decisive le attività tecniche condotte dagli uomini della finanza. Grazie all’installazione di sistemi di captazione all’interno del locale di una compagnia assicurativa, hanno accertato il contenuto di molteplici riunioni in cui venivano discussi gli aspetti più riservati della vita dell’organizzazione: dal pagamento degli stipendi agli affiliati alla imposizione di tangenti estorsive. A casa del boss Feliciano Mallardo, sequestrati 94 oggetti preziosi tra gioielli ed orologi per un valore di circa 200 mila euro. 

Sono state svelate società insospettabili e prestanome, grazie ad una serie di acquisizioni di documenti recuperati durante le perquisizioni avvenute della recente maxiretata dei mesi scorsi, che aveva portato ad una ventina di arresti.

Le microspie installate nel covo dei boss, in un’agenzia assicurativa a Giugliano, hanno condotto alla ricostruzione di tutti gli affari del direttorio della cosca. Oltre a Feliciano Mallardo i beni sono stati sequestrati a Francesco Napolitano, Raffaele Mallardo, Biagio Micillo, Giuliano Amicone, Mauro Monarca e Michele Di Nardo, unico ad essere ancora latitante. In totale sono 25 gli indagati ai quali è contestato il reato di intestazione fittizia di beni aggravata dal metodo mafioso, ovvero da finalità camorristiche.

 Nei confronti di questi indagati, nei mesi scorsi, già sono state adottate ordinanze di custodia cautelare in carcere per i reati di associazione mafiosa ed estorsione pluriaggravata, perché affiliati alla fazione del clan Mallardo nota come gruppo del “Rione san Nicola”. Numerose le perquisizioni eseguite dalle Fiamme Gialle che hanno consentito di sequestrare documentazione di assoluto rilievo per il prosieguo delle indagini. Nell’abitazione del boss Feliciano Mallardo sono stati sequestrati 94 oggetti preziosi tra gioielli e orologi di assoluto pregio per un valore complessivo di circa 200mila euro.

Su disposizione del gip di Napoli sono stati sequestrati: 41 unità immobiliari, 2 terreni, quote societarie, sette rapporti finanziari, 15 autoveicoli, 5 motocicli, un’imbarcazione di circa 10 metri, una ditta individuale, 2 società di capitali, una società di persone, 82 preziosi gioielli e 12 orologi di prestigiosi marchi

 

Il corpo di investigazione della Finanza, inoltre, lo scorso 24 aprile, sempre nell’ambito delle indagini contro il clan Mallardo, aveva eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per concorso in associazione mafiosa nei confronti dell’imprenditore giuglianese Francesco Basile, ritenuto vicino al clan. Fu eseguito anche il sequestro del suo patrimonio, per un valore complessivo di circa 4 milioni di euro. Le dichiarazioni del collaboratore di giustizia, Giuliano Pirozzi, hanno avviato molto probabilmente, come per la scorsa operazione investigativa, anche i sequestri di oggi.