AL VIA LA SESTA EDIZIONE DI “LIBEREVOCIFESTIVAL”

AL VIA LA SESTA EDIZIONE DI “LIBEREVOCIFESTIVAL”

Giugliano. Parte la sesta edizione della kermesse musicale ideata e realizzata dall’associazione culturale Libereinterpretazioni, con la direzione artistica del giovane cantautore giuglianese Francesco Mennillo.
Da alcuni giorni sono disponibili sul sito liberevocifestival.it il bando di partecipazione ed il forum per l’iscrizione online alle audizioni che si terranno il 28 e 29 settembre prossimi, e alle quali potranno accedere aspiranti artisti dai 15 ai 40 anni, band o solisti, presentando cover o canzoni nuove.

@Armando Di Nardo

 

In cinque anni oltre 150 partecipanti, più di 600 iscritti alle selezioni provenienti non solo dal’area giuglianese ma anche dal resto della regione, del Paese e in qualche caso addirittura dall’estero. Numeri esorbitanti di un piccolo festival di provincia divenuto via via campano, italiano, europeo. Un trampolino di lancio per artisti emergenti ed una vetrina importante per chi già mastica musica da tempo, che si sfideranno a colpi di ugola alle finali in programma per il 30 novembre ed il 1 dicembre. A dispetto della paventata chiusura, annunciata dal direttore artistico dopo le numerose richieste di sostegno istituzionale rimaste inascoltate, il liberevocifestival, insomma, ci sarà anche quest’anno. 

“Ci sono arrivate decine e decine di mail di cittadini e artisti – racconta Francesco Mennillo – Testimonianze affettuose e in alcuni casi veri e propri appelli da parte di tante persone che amano il lvf e che credono fermamente che questo territorio abbia bisogno, ancora, di questa iniziativa. Mi sono confrontato con i nostri sostenitori di sempre, Xelyus Service e TeleClubItalia, gli unici sul territorio ad averci sempre dato una mano concreta. Al mutismo e all’inettitudine delle istituzioni – conclude il giovane cantautore – Libereinterpretazioni, insieme ai suoi partners, ha deciso di rispondere con la solita spregiudicatezza e fare l’ennesimo sacrificio pur di portare avanti un progetto che in molti altri paesi sarebbe stato già innalzato ed eretto a vanto cittadino”.