Caldo torrido, decine le chiamate al 118

Caldo torrido, decine le chiamate al 118

HINTERLAND – Non è mai troppo tardi. E così dopo essersi fatto desiderare, il gran caldo è arrivato. Temperature ben oltre i 30 gradi per tutta la settimana, con tassi di umidità altissimi, stanno mettendo in difficoltà soprattutto gli anziani, principali vittime  degli effetti negativi del gran caldo.

@Armando Di Nardo


Malori e fastidi più o meno gravi li spinge a contattare il pronto soccorso. Infatti, nelle ultime quarantotto ore nell’hinterland a nord di Napoli si sono registrate oltre cinquanta  chiamate alla centrale operativa del 118.

Il Ministero, anche quest’anno ha attivato un numero verde, il 1500, per fornire informazioni e consigli sulle misure da adottare. Gli esperti consigliano di evitare l’esposizione diretta al sole dalle 11 alle 18, non frequentare zone troppo trafficate né fare attività fisica intensa all’aria aperta durante le ore più calde della giornata.

Bere molta acqua per non restare disidratati, evitare bibite gassate o quelle contenenti teina e caffeina, mangiare frutta e verdura, mangiare cibi leggeri, sono le principali precauzioni da adottare per difendersi dal caldo. A chi resta in casa si suggerisce di trascorrere le ore più calde nella stanza meno esposta al sole, di indossare indumenti chiari e in fibre naturali.