DISTRETTI TURISTICI: GIUGLIANO NON PUÒ E NON DEVE STARNE FUORI

DISTRETTI TURISTICI: GIUGLIANO NON PUÒ E NON DEVE STARNE FUORI

L’Assessore Provinciale Francesco Mallardo tuona: massimo impegno per scongiurare questo ennesimo scippo per Giugliano.

@Armando Di Nardo

“È assurdo pensare ad un Distretto Turistico Flegreo senza Giugliano” – è quanto dichiara l’Assessore Provinciale Francesco Mallardo, che poi prosegue “Giugliano è parte integrante dell’area flegrea ed include fra le sue risorse non solo il mare, ma anche il Lago Patria, testimonianze storico culturali ed archeologiche come gli scavi di Liternum, importanti chiese, innumerevoli attività turistico-recettivo, l’agricoltura con i suoi prodotti tipici.

Credo che non si possa prevedere alcun ragionamento di sviluppo futuro dell’area flegrea, escludendo aprioristicamente Giugliano. Non capisco come fanno i comuni di Bacoli, Monte di Procida e Pozzuoli a chiederne l’esclusione. Credo che invece vada perseguita l’idea di fare fronte comune per giungere alla costituzione di un water front unico, vista la contiguità.

Anzi già per il passato, ho più volte detto che la zona che va da Posillipo al Garigliano, dovrebbe essere un unico litorale, essendo palese che pur appartenendo a comuni diversi, hanno le stesse problematiche e le identiche peculiarità. Per cui unendo gli sforzi, sarebbe più facile reperire risorse, anche con l’ausilio di Provincie di Napoli e Caserta, Regione Campania, nonchè Governo centrale, per ottenere finalmente una riqualificazione ed il definitivo rilancio in chiave turistico-recettiva dell’intera area. Escludere Giugliano da questo ragionamento significherebbe svilire e sminuire il significato del Distretto turistico stesso, ma soprattutto far fallire il ragionamento molto più importante e più ampio, di cui ho parlato poco fa.

Tra l’altro essere membro del Distretto, non prevede finanziamenti o comunque fondi per i comuni che ne partecipano, per cui potrei comprendere, ma non giustificare la voglia di eliminare qualcuno, in modo da dividersi più soldi. In questo caso per i Comuni componenti del Distretto, ci sarebbero agevolazioni burocratiche, amministrative e fiscali. In poche parole meno documenti e meno complicazioni per chi vuole aprire nuove attività turistico-recettivo e qualche soldino di tasse in meno da pagare. Credo che sia una occasione unica, assolutamente da non perdere per Giugliano e per i Giuglianesi, visto l’indotto economico, sociale e lavorativo che questa occasione può generare.

Non so in questo momento al Comune, i Commissari Prefettizi come si stanno muovendo e cosa intendono fare a tal proposito, ma da parte mia ci sarà tutto l’impegno personale, come Assessore Provinciale, ma anche ad altri livelli: ho già coinvolto i miei riferimenti regionali, cominciando dal Presidente Caldoro ai Consiglieri Gennaro Salvatore e Giuseppe Maisto. Sarebbe davvero un delitto sciupare quest’altra chance per Giugliano.” 

Il consigliere regionale On. Gennaro Salvatore che affianca Francesco Mallardo in questa battaglia, dichiara: “Sacrosanta la difesa del Comune di Giugliano nel Distretto Turistico Flegreo, tra Comuni leale collaborazione con la capacità di avere una visione di sviluppo che superi i limiti geografici del proprio territorio. Attiveremo ogni iniziativa possibile per evitare che non prevalga la miopia del coltivare il proprio orticello”.