IL MERIDIANO NEWS: È DI DESTRA O DI SINISTRA? NO, È DEI LETTORI

IL MERIDIANO NEWS: È DI DESTRA O DI SINISTRA? NO, È DEI LETTORI

GiuglianoIl Meridiano News è nato da poco più di due settimane. Ma nonostante abbia lanciato nel mondo dei bit i suoi primissimi vagiti e faccia ancora fatica a parlare, il trend che ha registrato in questi giorni è di circa 1500 visite al giorno.


Inaspettato, diremmo, se teniamo conto dei mezzi ridotti e delle inefficienze logistiche che contraddistinguono questo esordio editoriale. Eppure, contro ogni aspettativa, il nostro portale è già finito nell’occhio del ciclone per alcuni articoli, attirandosi veementi scudisciate da parte di altri organi di informazione locali.

“Ma siete di destra?”. “Ma siete di sinistra?”. Una nota reclame pubblicitaria di cioccolata diceva che “c’è sempre qualcosa dietro”. La sindrome del “dietro”, tipicamente italica, è un po’ come quella dei “chi ti manda?”. Che alle nostre latitudini politiche vale più di qualsiasi curriculum e credenziale accademica. Ebbene, un principio simile, nella nostra Penisola, vale altresì, e soprattutto, per l’editoria.

“Dietro” un giornalista c’è sempre qualcosa o qualcuno. “Dietro” un’opinione ci sono sempre interessi di una casta da salvaguardare. “Dietro” l’informazione c’è sempre l’informatore. Forse per questo siamo passati alla storia per essere il Paese dei Comuni, dei guelfi e dei ghibellini, della P2 e della P3, dei berlusconiani e degli anti-berlusconiani, delle lobby, dei carbonari e di altre consorterie affaristico-criminali (salvo poi fare il Governo delle Larghe Intese quando si tratta di salvarsi la pelle).

No, come disse l’allora presidente della Repubblica Scalfaro a reti unificate, questa volta non ci sto! Le logiche manichee che negli ultimi venti (trenta, quaranta, cento) anni hanno affossato l’Italia da Nord a Sud hanno stancato. E hanno stancato tutta la generazione alla quale appartengo, costretta a vivere di chiacchiere e categorie politiche obsolete mentre nei palazzi del potere la gerontocrazia, in maniera trasversale e senza colori di partito, regna sovrana.

Quindi, una volta e per sempre dico: qui al “MeridianoNews” non c’è un “dietro”. Siamo tutti “davanti”, esposti alle critiche e al confronto. Ciascuno di noi, giornalisti, collaboratori ed editori, agiamo alla luce del sole. Ciascuno di noi possiede le sue opinioni, i suoi orientamenti ideologici, le sue idee politiche. Ma nulla ci impedirà di fare informazione libera. E laddove peccassimo di parzialità nel dare le notizie (che vanno tenute sempre e comunque distinte dalle opinioni, queste tutte legittime e pubblicabili), preghiamo i lettori, veri ed unici arbitri del nostro portale, di segnalarcelo e di bacchettarci a dovere.  Nei limiti della nostra umana fallibilità, provvederemo a reintegrare qualsiasi rappresentazione della realtà che risulti ai vostri occhi manchevole o parziale.