Maxi-operazione dei carabinieri ”on the beach”. Sotto chiave nove lidi di Licola e Varcaturo

Maxi-operazione dei carabinieri ”on the beach”. Sotto chiave nove lidi di Licola e Varcaturo

GIUGLIANO – ore 13. Occupazione demaniale del suolo e attività senza autorizzazioni. Arriva a quota nove il bilancio degli stabilimenti sequestrati lungo il litorale giuglianese. Da Licola a Varcaturo sigilli a Le Ancore, Sabbia D’Argento, Varca D’Oro, Onda del Mare, Hawaii, Canarie, Antille, Sole e Smeraldo.


Dalle prime ore del mattino è in corso  l’ operazione di maxi sequestro dei Carabinieri della compagnia di Giugliano, guidata dal Capitano Francesco Piroddi. I militari dell’arma stanno eseguendo il decreto preventivo emesso dal Gip della Procura di Napoli. Aree pubbliche occupate abusivamente dai gestori degli stabilimenti balneari, concessioni scadute da anni o del tutto assenti. Sotto chiave anche uno spazio di circa tredici ettari. Danno alle casse dello stato dunque, legato alla mancato versamento dei canoni di concessione. 

Durante l’inchiesta gli inquirenti hanno accertato che gli stabilimenti nel lungo tratto di mare antistante i lidi, presentano un forte inquinamento delle acque. Contemporaneamente scatta il divieto di balneazione a seguito delle analisi Arpac che ne stabiliscono non idoneità delle acque marine per la presenza di un elevato tasso di batteri escherichia coli ed enterococchi intestinali.

ore 10. Operazione dei carabinieri a Licola. Sotto chiave numerosi stabilimenti balneari giuglianesi. Occupazione demaniale del suolo di molti i lidi che svolgevano attività senza alcuna autorizzazione. 

Impegnati nel maxi sequestro i carabinieri della compagnia di Giugliano guidati dal capitano Francesco Piroddi. La fascia costiera giuglianese caratterizzata da circa 2 km di costa, ha diversi lidi confinanti da un lato con Castelvolturno e dall’altro con Pozzuoli.

Ma a quanto pare, numerosi stabilimenti balneari operavano senza autorizzazioni. I militari dell’arma stanno  lavorando nelle ultime ore e da giorni per mettere sotto chiave le attività abusive e tenere sotto controllo le altre.