Villaricca, parte la commissione di controllo su Cava Riconta

Villaricca, parte la commissione di controllo su Cava Riconta

VILLARICCA – Votata all’unanimità la Commissione Speciale e di controllo su Cava Riconta. L’incarico sarà a titolo gratuito. I membri saranno cinque consiglieri comunali ma non saranno affiancati dai cittadini, perché il regolamento comunale non lo permette. Nella prossima assisa pubblica saranno scelti i nomi dei componenti. L’organo di vigilanza acquisirà tutti gli atti della Sapna e di ogni altro ente di controllo.

@Armando Di Nardo

In seguito si valuterà la possibilità di nominare un consulente tecnico, con il compito di eseguire una relazione del sito. Sarà vagliato l’impatto ambientale della discarica sull’intera zona dal punto di vista dell’inquinamento delle falde e dell’aria. Un attenzione particolare sarà data alle ripercussioni subite dall’agricoltura locale.

Dall’1 agosto 2013 la Sapna cesserà di esistere, data a partire dalla quale non potrà più adottare alcun atto di gestione. La giunta regionale della Campania approverà una norma per il riordino dei servizi dei rifiuti urbani. Per questo motivo la società provinciale pur mantenendo i livelli minimi di efficienza per gli smaltimenti dei rifiuti non potrà garantire tutte le attività. Non potranno essere indette nuove gare d’appalto, quelle in corso non ancora scadute saranno considerate sospese.   Le gare indette scadute o in corso di aggiudicazione avranno lo stessa sorte.

La mozione della minoranza firmata da Rocco Ciccarelli e Luigi Sarracino è stata a lungo dibattuta in consiglio, ma alla fine si è trovata una sintesi tra maggioranza e opposizione. “Per l’accesso alla discarica sequestrata c’è bisogno di autorizzazioni. Non sarà difficile ottenere un dissequestro temporaneo anche per 15 giorni, nessun pubblico ministero ci impedirebbe di accedere – afferma il consigliere del centrodestra Ciccarelli –  Il progetto dell’ampliamento è in fase di attuazione e non credo possa essere accantonata.  In futuro la Sapna sarà sostituita”.