L’oro di Napoli: l’arte di arrangiarsi vivendo con poco

L’oro di Napoli: l’arte di arrangiarsi vivendo con poco

GIUGLIANO – L’arte di arrangiarsi, si sa, è forse il prodotto made in Italy che più ci rende fieri. Un pregio che in tempi come i nostri siamo ben contenti di possedere. Esempi di come a Napoli bisogna arrangiarsi per cercarsi una “fatica”  sono molteplici.


La protagonista in questione è una donna. Una donna sola di 42 anni che lavora a Giugliano, avente però origini napoletane – quartieri spagnoli, e che mostra la sua passione per il ricamo sulle piscine. Passione acquisita all’età di 15 anni e portata avanti nel tempo. Eppure è da circa 10 anni che la divide con il pubblico, incuriosendo con quelle mani, con quella penna che gli fa da strumento per lavorare e quei tanti batuffoli di cotone colorati, ogni fascia d’età. E tra un bracciale, una treccina per capelli di cotone e un sorriso, la donna cerca di guadagnarsi quei pochi spiccioli per potersi arrangiare nel periodo estivo, in quanto il lavoro invernale non gli consente di farsi una vita adeguata.

“L’arte di arrangiarsi è una forma d’intelligenza”, dichiara la donna, “nonché una necessità che ci caratterizza come essere umano”. “Attraverso quest’arte – conclude – le persone non devono aver paura, perché, qualunque cosa accada, la vita continua e bisogna sapersi arrangiare”. Come? Con l’ingegno, la solidarietà e la voglia di lottare.