Alternative all’inceneritore, i politici locali chiedono un tavolo col Governo

Alternative all’inceneritore, i politici locali chiedono un tavolo col Governo

HINTERLAND – I Comuni dell’area Nord invocano un tavolo con il Governo per trovare alternative all’inceneritore e sospendere il bando regionale per la costruzione dell’impianto. L’intenzione è stata esposta in un documento condiviso da vari amministratori locali come Pierino D’Angelo e Raffaele De Leonardis, Presidenti dei Consigli Comunali rispettivamente di Melito e Qualiano. Apposte le firme anche di diversi consiglieri: Michele D’Ambra di Calvizzano, Gabriele Pappadia di Sant’Antimo, Nello Chianese di Villaricca e Renato Verrazzo di Mugnano.


Gli amministratori chiedono un incontro inter-istituzionale che: “Veda la partecipazione del Governo, Regione Campania e degli enti locali al fine di esplorare soluzioni per il trattamento delle eco-balle alternative all’incenerimento. Sospendere per il momento l’efficacia del bando regionale e valutare nelle more, l’effettiva combustibilità del materiale contenuto nelle ecoballe, rispetto alla quale nutriamo fortissime perplessità”.

La protesta contro l’inceneritore giorno dopo giorno. Gli amministratori locali si stanno dichiarando tutti contrari a questo impianto. Alle parole dovranno seguire i fatti, tramite la presenza fisica dei vari amministratori anche nei luoghi dei presidi e delle manifestazioni.