Ampliamento cimitero di Marano, domani la questione in consiglio comunale

Ampliamento cimitero di Marano, domani la questione in consiglio comunale

MARANO – Ampliamento cimiteriale, il caso torna al’’attenzione del Consiglio comunale. Il civico consesso si riunirà nuovamente domani alle 18,00, in una seduta monotematica nell’aula consiliare di via Falcone, per fare chiarezza sulla spinosa vicenda. L’assise è stata convocata d’urgenza dal presidente del Consiglio Angela Di Guida, su iniziativa del gruppo consiliare de L’Altra Marano e con l’appoggio dei consiglieri di opposizione Palladino, Migliaccio, Tagliaferri e Coppola.


Il progetto di ampliamento del cimitero di via Vallesana, nato nel 2006, si è arenato sin dalle prime battute a causa di una serie di intoppi burocratici e giudiziari. Si tratta di un project financing che era stato affidato, nel 2006, alla Mastrominico costruzioni e in origine prevedeva la realizzazione di circa 3000 loculi. Il progetto è stato poi modificato nel 2010 dalla giunta Perrotta che ha raddoppiato il numero dei loculi, portandolo a 6727. La situazione si è ulteriormente complicata quando, nel 2011, i titolari della Mastominico sono stati arrestati per affiliazione alla criminalità organizzata.

Nonostante i risvolti giudiziari il Comune ha deciso comunque di portare avanti il progetto, emanando il bando per l’assegnazione dei loculi e rassicurando i cittadini. Infine il progetto è stato nuovamente ridimensionato dall’ex commissario prefettizio Gabriella Tramonti, che ha riportato il numero dei loculi a 3271. Attualmente sono circa 1100 i loculi prenotati e per i quali molti cittadini hanno già pagato le prime tre rate, per un totale di 1400 euro. Resta ora da capire se i soldi versati dalle famiglie siano stati spesi nell’ottica del nuovo progetto o se siano andati in fumo.

“È da due anni che cerchiamo di fare chiarezza sulla vicenda – spiega il capogruppo de L’Altra Marano Mauro Bertini – Molti cittadini hanno anticipato somme importanti, senza alcuna garanzia, per la costruzione dei loculi.  Non è possibile che, a due anni dai primi versamenti, ancora non si riesca a capire che fine hanno fatto questi soldi. Insomma questi benedetti loculi si faranno o no? – rincara la dose Bertini –  E quando? Che fine hanno fatto i soldi anticipati per la prenotazione dei loculi? I cittadini hanno il diritto di sapere la verità”. Queste e tante altre le domande a cui dovrà rispondere in consiglio la nuova amministrazione targata Liccardo. “È assolutamente necessario capire e sviscerare i punti oscuri di questa vicenda – spiega il consigliere di maggioranza Vincenzo Passariello  – Faremo tutto ciò che è possibile per portare a termine il progetto nel migliore dei modi: i cittadini possono stare tranquilli”.