Inceneritore, domani assemblea a Piazza Matteotti. Ma la protesta corre anche sui social

Inceneritore, domani assemblea a Piazza Matteotti. Ma la protesta corre anche sui social

GIUGLIANO – Un comitato indipendente per le ecoballe e avvio immediato delle bonifiche. Queste le richieste che i manifestanti domani pomeriggio porteranno in Piazza Matteotti nell’assemblea contro l’inceneritore. Dopo tanti sit-it a scopo di protesta e dimostrativi condotti nel mese estivo, gli attivisti annunceranno le prossime le azioni di lotta. Il tam-tam della mobilitazione cresce e si diffonde soprattutto su internet. I social network ospitano molti eventi. Alcuni attivisti hanno richiamato la popolazione al coinvolgimento di massa: “Convinti che solo l’unità e la partecipazione attiva dei cittadini, possa fermare la mano criminale di chi vuole continuare ad inquinare le nostre terre. Quando l’ingiustizia diventa legge, la resistenza diventa dovere”.


A sposare l’azione decisa è stato lo scrittore Erri De Luca, che intervenendo al Makeba Festival di Mugnano ha affermato: “Le manifestazioni sono un diritto non trattabile. E’ in atto un’imposizione con la prepotenza di un’opera che non tiene del territorio e della vita stessa persone che ci vivono. C’è il diritto alla legittima difesa. Parlare di terrorismo è una buffona ma serve alle autorità politiche che le pronunciano a indurire la presenza militare e la repressione”.

In tempi di manifestazioni si creano tra gli attivisti visioni di lotta diverse. Alcuni rivendicano la disubbidienza civile per quello che riconosco in un sopruso, memori che storicamente solo la lotta paghi. Altri credono nella manifestazione non violenta e legalitaria. Coalizzare un gruppo ampio di persone attorno a questi due poli sarà oggettivamente difficile. Già nell’ultima manifestazione di fine agosto svoltasi nella stessa piazza, c’è stata una divergenza tra i manifestanti attorno all’uso dei simboli politici. Giustamente nessuno vuole far mettere un sigillo partitico su questa lotta.