Inceneritore, stamattina incontro straordinario in Regione. I sindaci ricorrono al Tar

Inceneritore, stamattina incontro straordinario in Regione. I sindaci ricorrono al Tar

HINTERLAND – Nella mattinata di oggi, incontro nella sede della Regione Campania sulla questione termovalorizzatore tra i sindaci dell’area nord di Napoli, i comitati civici e la commissione regionale speciale sui rifiuti tossici. Il presidente della commissione Antonio Amato e gli altri membri, i consiglieri regionali Raffaele Topo (Pd) e Flora Beneduce (Pdl), hanno ricevuto, oltre ai cittadini che oramai da tempo protestano per la costruzione del nuovo impianto di trattamento dei rifiuti, il primo cittadini di Melito Venanzio Carpentieri, di Mugnano Giovanni Porcelli, di Qualiano Ludovico De Luca, l’assessore alle attività produttive del Comune di Villaricca, Mario Molino ed il commissario al Comune di Giugliano Luigi Colucci. Rinviato a lunedì, invece, l’incontro con l’ assessore all’ambiente della Regione Campania Giovanni Romano e con il commissario straordinario al termovalorizzatore Alberto Carotenuto.


“Mi sarei aspettato degli incontri sulle bonifiche del territorio, del Resit 1, Resit 2 o sulla discarica di Sette Cainati prima di parlare della costruzione di un termovalorizzatore da far sorgere sul territorio a nord di Napoli’’, tuona Ludovico De Luca, primo cittadino di Qualiano. Gli fa eco Mario Molino, assessore a Villaricca: “il territorio dell’area nord di Napoli e anche di Villaricca, hanno già dato. Voglio ricordare, perché nessuno ne parla – continua l’assessore –  che nel 2012, la Sapna, (la società della Provincia di Napoli che si occupa di rifiuti e ambiente n.d.r), ha pubblicato un bando per l’allargamento delle vasche per il trattamento del percolato nella discarica di Cava Riconta. La Provincia è stata assente a questo tavolo. Che fine hanno fatto – si domanda polemicamente Molino – tutti coloro che criticavano Bassolino e gettavano rifiuti, occupando il Municipio di Giugliano?  Su questo non ho visto un solo manifesto o letto nessuna dichiarazione in merito al termovalorizzatore voluto da questa giunta regionale di centro-destra’’.

I sindaci del comprensorio, dopo il tavolo istituzionale di questa mattina, si sono dati appuntamento alle 12 di venerdì a Qualiano per discutere la possibilità di un ricorso congiunto al Tar. A quest’iniziativa di tipo legale, non prenderà parte il Comune di Giugliano, a causa del commissariamento dell’ente.