Marano, il parco giochi distrutto ospiterà la sagra di San Castrese

Marano, il parco giochi distrutto ospiterà la sagra di San Castrese

MARANO – Si terrà sabato 28 settembre, alle 20,30, la prima sagra di San Castrese nella villetta comunale intitolata a Giovanni Paolo II. Una serata di festa con stand e musica, che la parrocchia, intitolata al santo patrono della città, ha deciso di organizzare nella vicina villetta comunale, abbandonata da oltre un anno al degrado e all’incuria.


Il parco giochi, inaugurato soltanto due anni fa e sorto nel centro storico della città, doveva essere un punto di incontro e di svago per gli abitanti della zona e, invece, è stato lasciato alla mercé dei vandali che ne hanno distrutto lampade, giostre, servizi igienici. “Abbiamo deciso di organizzare questa manifestazione nella villetta di Giovanni Paolo II per due motivi – spiega don Luigi Merluzzo parroco della chiesa di San Castrese – sia per recuperare le tradizioni legate alla figura del santo patrono, ma soprattutto per dare nuova linfa vitale ad una struttura che da troppo tempo è stata abbandonata a se stessa”.

Nelle giornate di giovedì e venerdì gruppi di volontari si recheranno al parco giochi per ripulirlo e sistemarlo. “L’amministrazione comunale ha sostenuto con forza la nostra iniziativa – continua il parroco – Il Comune ha subito provveduto, tra le altre cose, a montare il contatore necessario per l’illuminazione”. In tal senso la nuova amministrazione targata Liccardo emanerà, nei prossimi mesi, una gara per l’affidamento di questo e di altri parchi della città, che riversano nelle stesse condizioni di degrado e abbandono. “Ho dato il mio totale sostegno e appoggio a questa manifestazione – spiega il primo cittadino di Marano Angelo Liccardo – Sono vicino a tutte quelle iniziative volte a preservare i luoghi di aggregazione della città”.