«Rifiuti tossici a Taverna del Re», rivelazione choc del pentito Luigi Guida

«Rifiuti tossici a Taverna del Re», rivelazione choc del pentito Luigi Guida

GIUGLIANO – Rifiuti tossici dentro le balle di Taverna del Re. A rivelarlo le dichiarazioni che il pentito Luigi Guida, detto ”’O Drink”, ha reso nell’ambito del processo Eco 4 che vede tra gli altri coinvolto anche Cosentino. Secondo il pentito, nella cava di Santa Maria la Fossa gestita negli anni ’90 dai fratelli Orsi, affiliati del Clan dei Casalesi, sarebbero stati sversati anche rifiuti industriali provenienti dal Nord Italia. Gli stessi rifiuti sarebbero poi stati imballati e spediti al sito di stoccaggio di Taverna del Re. Tutto sarebbe avvenuto in un periodo ricomprenso fra il 2002 e il 2003.


A destare particolare allarme è la destinazione delle stesse balle dal contenuto sospetto. L’impianto di incenerimento di Giugliano, infatti, che dovrebbe sorgere nei pressi di Ponte Riccio, nell’ex centrale dell’Enel, sarebbe costruita proprio per smaltire e bruciare le piramidi di Taverna del Re. Una bomba ecologica dalle conseguenze imprevedibili per le centinaia di migliaia di persone che abitano nell’hinterland a nord di Napoli. Cittadini e associazioni in queste ore chiedono a gran voce un’analisi del materiale sigillato nelle balle.