Stop ai ticket, da ottobre analisi a pagamento

Stop ai ticket, da ottobre analisi a pagamento

NAPOLI – Stop all’assistenza sanitaria agevolata. A partire da ottobre, come da copione negli ultimi anni, le prestazioni diagnostiche e specialistiche dovranno


NAPOLI – Stop all’assistenza sanitaria agevolata. A partire da ottobre, come da copione negli ultimi anni, le prestazioni diagnostiche e specialistiche dovranno essere pagate per intero dai pazienti. A nulla servirà il ticket assegnato in base al reddito familiare. Il motivo? Il raggiungimento del tetto di spesa fissato per l’anno 2013. Un limite legato ai tagli alla sanità imposti dal Governo e a rimetterci, come sempre, saranno le fasce più deboli della popolazione, che vedranno alleggerirsi ulteriormente i propri portafogli, già svuotati dalla mordente crisi economica.

L’autunno nero per la sanità regionale sarà scandito dalle seguenti date, come riportato dal quotidiano “Il Mattino”: il 4 ottobre, giorno in cui si fermerà la cardiologia; il 26 ottobre, giorno di stop alle prestazioni convenzionate riguardanti la radiologia, la diabetologia e le analisi cliniche ed infine il 17 novembre, quando toccherà alla medicina nucleare dire “no” alle agevolazioni.

Altri disagi, insomma, per gli assistiti delle aziende sanitarie locali sono dietro l’angolo e si aggiungono agli interminabili tempi di attesa per visite ed esami diagnostici che si vivono nelle strutture sanitarie pubbliche di Napoli e provincia. Una vera e propria odissea per tante famiglie che non possono permettersi un’assistenza sanitaria privata e che ora, con le analisi cliniche, le tac e le radiografie praticamente negate non possono neanche più ammalarsi.