Bonifica, Varcaturo e Licola declassati a siti regionali

Bonifica, Varcaturo e Licola declassati a siti regionali

GIUGLIANO  Varcaturo e Licola non sono siti previsti dalla bonifica nazionale, il compito di risanare i territori ricadrà sulla Regione Campania. Il declassamento d’interesse è stato ratificato dal Decreto Ministeriale 11 Gennaio del 2013 a firma dell’ex Ministro dell’Ambiente Corrado Clini del Governo Monti. Secondo la normativa le due zone del giuglianese: “Non soddisfano i requisiti di cui all’articolo 252, comma 2, del  decreto legislativo 3 aprile 2006” secondo i quali i provvedimento di risanamento devono riguardare: aree e territori, compresi i corpi idrici, di particolare pregio ambientale; la contaminazione deve rappresentare un rischio per i beni di interesse storico e culturale di rilevanza nazionale; ed avere un impatto socio economico provocato dall’inquinamento dell’area deve essere rilevante.


Le disposizioni vigenti in materia ambientale stridono con la risonanza mediatica nazionale che la Terra dei Fuochi sta avendo nelle ultime ore. In merito è intervenuto il delegato locale della Cgil Gerardo Vitale: “Chiediamo un decreto di urgenza del Governo Nazionale per riportare l’area nei siti di interesse nazionale da bonificare,  perché il precedente governo l’ha riclassificata come sito di interesse regionale”.

Le zone che riguardano la bonifica nazionale furono stabiliti secondo vari parametri come le caratteristiche del sito, e le quantità e rischiosità degli inquinanti presenti. Inoltre si tiene conto dell’impatto sull’ambiente circostante in termini di rischio sanitario ed ecologico, anche sull’incidenza del pregiudizio per i beni culturali ed ambientali.