Corteo No Inceneritore Aversa-Giugliano: bassa affluenza. Colpa anche del maltempo

Corteo No Inceneritore Aversa-Giugliano: bassa affluenza. Colpa anche del maltempo

AVERSA/GIUGLIANO – Poca gente per il corteo contro l’inceneritore partito da Piazza Mazzini alle 16 con destinazione Piazza Annunziata a Giugliano. Meno di un migliaio il picco massimo di manifestanti radunatisi dinnanzi alla stazione ferroviaria di Aversa per gridare “no” all’impianto di incenerimento e “sì” alla bonifica del territorio. Il maltempo, a quanto pare, ha scoraggiato parecchi manifestanti che hanno preferito restare a casa. Ma secondo alcune voci interne al corteo, che si sta ultimando in queste ore, decine di persone hanno abbandonato la manifestazione per la presenza di bandiere “no tav” e cori di stampo politico. “Deve essere una lotta comune, senza bandiere di partito. E invece…”, confessa amareggiata una ragazza che ha deciso di allontanarsi dalla fiaccolata.


Intanto, il corteo ora è entrato a Giugliano dopo aver percorso Viale Kennedy e la Via Appia. Alle Colonne si sono uniti altri manifestanti provenienti da Melito e altri si aggregeranno dinnanzi alla metropolitana di Giugliano. Ma malgrado un percorso lungo circa 7 chilometri, l’affluenza resta bassa. Colpa anche di una pioggia che non ha dato tregua alternando violenti scrosci a brevi schiarite. Non si registrano per il momento disordini sebbene una massiccia presenza di forze dell’ordine (polizia, carabinieri, guardia di finanzia) avesse fatto pensare il contrario. Fra i manifestanti si segnala la presenza di personaggi politici come il vicesindaco di Napoli Tommaso Sodano. Mancano, invece, rappresentati delle istituzioni locali. Il corteo si concluderà nelle prossime ore a Piazza Annunziata con la lettura di un documento anti-inceneritore e l’esibizione musicale del gruppo BidonVillarik.