Inceneritore, i sindaci presentano il ricorso al TAR

Inceneritore, i sindaci presentano il ricorso al TAR

HINTERLAND – Presentato il ricorso al Tar contro l’inceneritore in modo congiunto dai i Comuni di Villaricca, Marano, Melito, Qualiano e Mugnano.


HINTERLAND – Presentato il ricorso al Tar contro l’inceneritore in modo congiunto dai i Comuni di Villaricca, Marano, Melito, Qualiano e Mugnano. Presenti sindaci e assessori del comprensorio. L’appello al tribunale amministrativo verterà attorno a diversi punti di difesa.

Il primo riguarda il contrasto con la Legge numero 87 del 2007, secondo la quale in assenza di una bonifica dell’area compresa tra Giugliano, Villaricca, Qualiano e Quarto non possono essere realizzati ulteriori siti di smaltimento finale dei rifiuti.

La seconda istanza mira al momento in cui il Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro nominò il commissario Alberto Carotenuto per l’individuazione dell’area. Caldoro ha delegato un potere che la legge non autorizzava.

Si accusa il commissario di non aver effettuato alcuna analisi delle alternative all’inceneritore delle ecoballe, e di non aver considerato zone di costruzione diverse tenendo conto della distanza dei centri abitati. Soprattutto manca l’acquisizione di un parere di valutazione dell’impatto ambientale.

Per l’altro 60 percento di balle di rifiuti stoccate fuori dall’agro giuglianese che dovranno essere bruciate, non è stata effettuata alcuna analisi di valutazione. Secondo questo parametro non si conosce se hanno le caratteristiche di “Combustibile derivato da rifiuti” Cdr.