Pubblicati i verbali di Schiavone: «senza Stato, il clan non sarebbe esistito»

Pubblicati i verbali di Schiavone: «senza Stato, il clan non sarebbe esistito»

ROMA – Le dichiarazioni di Carmine Schiavone, rilasciate alla commissione parlamentare oltre sedici anni fa, il 7 ottobre del 1997, sono state


ROMA – Le dichiarazioni di Carmine Schiavone, rilasciate alla commissione parlamentare oltre sedici anni fa, il 7 ottobre del 1997, sono state rese pubbliche. Il via libera è arrivato oggi dall’ufficio di presidenza della Camera, che con voto unanime ha deciso che quegli atti non saranno più secretati.

Grande soddisfazione esprime il presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini: «Si tratta della prima volta che la Presidenza della Camera – senza che questo sia richiesto dalla magistratura – decide di rendere pubblico un documento formato da commissioni di inchiesta che in passato lo avevano classificato come segreto».

I verbali con le frasi del pentito – tornato alla ribalta negli ultimi mesi con le indiscrezioni sui luoghi oggetto di sversamenti di riufiuti tossici – sono pubblicati sul sito web della Camera dei Deputati QUI

I Regi Lagni, la superstrada di Caserta, gli sversamenti illeciti e il vorticoso giro di centinaia e centinaia di miliardi di lire. In un passaggio, Schiavone dice di aver fatto confusione tra le casse del clan e le casse dello Stato. Alla risposta stizzita del presidente della commissione, ribadisce: «La mafia e la camorra non potevano esistere se non era lo Stato… Se le istituzioni non avessero voluto l’esistenza del clan, questo avrebbe forse potuto esistere?».

Altro passaggio sconcertante, quando Schiavone conferma di aver già accompagnato circa venti anni fa le autorità competenti sui luoghi in cui si era sversato rifiuti anche nucleari. «Quel traffico veniva già attuato in precedenza e gli abitanti del paese rischiano di morire tutti di cancro entro venti anni; non credo infatti che si salveranno: gli abitanti di paesi come Casapesenna, Casal di Principe, Castel Volturno e così via avranno forse venti anni di vita!».