Villaricca, tagli alla refezione scolastica. Scoppia la polemica

Villaricca, tagli alla refezione scolastica. Scoppia la polemica

VILLARICCA – I costi del sevizio di refezione scolastica, al via a fine ottobre, saranno coperti per il 55% dall’amministrazione comunale solo per i residenti a Villaricca. La decisione è stata sancita da un’apposita delibera di giunta, che ha scatenato malumori e polemiche tra l’assessore alla Pubblica Istruzione Giovanni Granata ed il consigliere di opposizione Giuseppe Coscione, che critica aspramente la scelta di penalizzare gli alunni che provengono dai comuni limitrofi. 


“E’ una delibera tardiva che andava approntata a giugno, prima di avviare le procedure di iscrizione nelle scuole, al fine di consentire alle famiglie di potersi organizzare al meglio. La quota per la mensa è aumentata vertiginosamente negli ultimi due anni – continua il consigliere – oggi la spesa è di 45 euro al mese per i residenti e di 80 per i non residenti. L’assessore Granata non ha capito che le categorie da tutelare sono anziani e bambini. Per i primi l’amministrazione ha messo a disposizione 50mila euro per una gita ad Ischia che ha scontentato molti partecipanti e per i secondi non ci sono soldi per la mensa e per i buoni libro”.

Alle accuse mosse dal consigliere di minoranza, Granata replica: “Fino allo scorso anno abbiamo avuto la possibilità di non fare distinzioni tra alunni residenti e non a Villaricca, ma quest’anno i tagli dei finanziamenti statali ci hanno costretto ad assicurare la compartecipazione solo a chi abita in città. E’ una scelta dolorosa, non vogliamo fare alcuna discriminazione – precisa – ma in questo periodo di grande difficoltà economica dobbiamo pensare in primo luogo agli interessi dei cittadini di Villaricca. E credo che il consigliere comunale Giuseppe Coscione dovrebbe fare altrettanto, prima di salvaguardare quelli dei residenti di altri comuni. Chiarisca la sua posizione a riguardo in occasione di un pubblico consesso”.

Il consigliere Coscione, che ha già annunciato l’intenzione di portare la questione in consiglio, critica intanto Granata anche in relazione ad un altro punto: “E’ assurdo che abbia deciso solo ora di contattare i Commissari giuglianesi per una parziale copertura dei costi della refezione per i residenti a Giugliano”. Ma l’assessore Granata ironizza: “Visto che il consigliere Coscione aveva la sfera di cristallo per prevedere i tagli che anche quest’anno abbiamo subito dal governo, perché non ci ha avvisato con largo anticipo?” Un botta e risposta di una querelle destinata a proseguire tra gli scranni dell’aula consiliare.