Alla scuola Falcone la giornata nazionale dell’albero

Alla scuola Falcone la giornata nazionale dell’albero

MELITO – Alla scuola elementare Giovanni Falcone di Corso Europa si è tenuto il locale convegno inserito nella giornata nazionale dell’albero. «Dal


MELITO – Alla scuola elementare Giovanni Falcone di Corso Europa si è tenuto il locale convegno inserito nella giornata nazionale dell’albero.

«Dal dopoguerra ad oggi abbiamo progressivamente perso il contatto, fondamentale, con la natura. Si è persa quell’antropizzazione che è stata prerogativa della nostra regione per tantissimi anni. E’ ora di recuperarla» afferma Emma Buondonno, vicesindaco dell’amministrazione comunale e docente di architettura della Federico II che ha anche realizzato un video con i ragazzi della sua facoltà per ribadire l’importanza di salvaguardare il verde pubblico.

Per il sindaco di Melito Venanzio Carpentieri, è necessario «restituire un pizzico di bellezza ad un territorio come Melito, riempito di case. E’ intenzione della mia amministrazione dare un segnale nuovo per garantire alla nostra comunità spazi adeguati nel quale il verde possa essere ampliato e salvaguardato iniziando proprio dalle scuole».

Flora Della Valle, responsabile regionale delle foreste della Regione Campania si concentra invece sul tema del«biocidio dibattuto molto ultimamente. Credo che questo sia un problema non solo da reprimere ma da affrontare. Gli alberi sono essenziali per la vita di tutti noi, specialmente in un periodo storico nel quale stiamo assistendo a frequenti cambiamenti climatici. Negli ultimi 10 anni abbiamo perso 1,2 milioni di foresta. La speculazione edilizia ha causato sempre più disastri idrogeoligici» dichiara a margine del convegno.

Recentemente, proprio l’ente comunale di Via Salvatore Di Giacomo, ha aderito al progetto della Regione Campania che obbliga i Comuni al di sopra dei 15 mila abitanti a piantare un albero per ogni nato sul territorio e registrato all’anagrafe nell’anno 2013 piantando nuovi alberi nella villa comunale, nelle scuole e nella casa comunale.