Continua l’occupazione al Minzoni, oggi incontro e dibattito tra gli studenti sul tema del “biocidio”

Continua l’occupazione al Minzoni, oggi incontro e dibattito tra gli studenti sul tema del “biocidio”

Lunedì nuova manifestazione degli studenti lungo le strade della città. I ragazzi: «Vogliamo continuare a far ascoltare la nostra voce. Giugliano è


Lunedì nuova manifestazione degli studenti lungo le strade della città. I ragazzi: «Vogliamo continuare a far ascoltare la nostra voce. Giugliano è viva»

 

GIUGLIANO – Una conferenza per spiegare le ragioni dell’occupazione e per riflettere sul tema del biocidio si è svolta questa mattina nella palestra dell’istituto Minzoni di via Bartolo Longo, occupato dagli studenti da quattro giorni.

All’incontro che ha registrato la presenza di un centinaio di alunni, ha preso parte anche il docente di Scienze della terra e Biologia Saverio Tesone, che ha dato il via al dibattito spiegando alla platea il significato di parole divenute ormai d’uso quotidiano a Giugliano, come “Terra dei fuochi”, “biocidio” e “diossina”. Un intervento che ha preceduto la proiezione di due video: il primo riguardante le dichiarazioni del pentito Carmine Schiavone sull’interramento di rifiuti tossici in Campania da parte della camorra, ed il secondo sulle modalità di differenziazione della spazzatura.

Questioni di pregnante attualità nell’area nord di Napoli e sulle quali i rappresentanti del Minzoni hanno voluto soffermarsi per sottolineare l’impegno e la presa di coscienza della comunità studentesca, decisa a non restare impassibile dinanzi ai soprusi perpetrati per decenni ai danni del proprio territorio. «Abbiamo organizzato questa giornata per informare tutti gli alunni su tematiche quali la gestione dei rifiuti e lo smaltimento degli stessi. L’incontro è stato indirizzato soprattutto ai ragazzi più piccoli, nell’intento di mostrare loro le conseguenze delle azioni criminali, sul piano etico e non, per l’intera collettività» dichiara Gianfranco Smarrazzo, rappresentante alla Consulta provinciale degli studenti per l’istituto Minzoni.

Gli studenti annunciano di voler approfondire le tematiche oggetto del convegno anche alla ripresa delle attività didattiche: «Chiederemo al preside di dedicare almeno un’ora a settimana all’educazione ambientale, anche se il nostro obiettivo è di ottenere un’ora al giorno, per fare una buona raccolta differenziata all’interno della scuola. Il materiale è già disponibile, occorre solo organizzarsi per mettere tre cassonetti in ogni classe e procedere poi a fornire le giuste informazioni a tutti gli allievi», commenta Ugo Cerciello Lauro, rappresentante del Comitato studentesco del Minzoni. Senso civico e rispetto per l’ambiente, dunque, «grazie all’importante ruolo della formazione scolastica nell’accrescere la consapevolezza degli studenti e nel consentire loro di assumere dimestichezza con un territorio che sta cambiano da anni e purtroppo in negativo», come precisa il professore Saverio Tesone.

Intanto, i ragazzi del Minzoni fanno sapere che l’occupazione del plesso proseguirà fino a sabato. «Lunedì ci sarà invece una manifestazione a cui parteciperanno tutte le scuole superiori di Giugliano – dichiara Luigi Capocotta, rappresentante del Consiglio di isitituto – . Il corteo partirà dalla villa comunale e si fermerà davanti al municipio. Vogliamo far ascoltare la voce dei ragazzi di Giugliano. Vogliamo dimostrare che la città è viva e che i suoi giovani si stanno mobilitando e continueranno a farlo».