Giugliano, Mazziotti: «a Quarto sconfitta meritata, ci servirà da lezione»

Giugliano, Mazziotti: «a Quarto sconfitta meritata, ci servirà da lezione»

GIUGLIANO – In cuor suo mister Marco Mazziotti decisamente sperava in ben altra partita, a Quarto. A complicare i piani la perdita


GIUGLIANO – In cuor suo mister Marco Mazziotti decisamente sperava in ben altra partita, a Quarto. A complicare i piani la perdita di Cozzolino: la squadra è apparsa in difficoltà, nella ripresa il black out in occasione della seconda e terza rete nel giro di qualche minuto. Il Giugliano riprende gli allenamenti rivedendo mentalmente gli errori e provando ad immediatamente a voltar pagina. Imminenti i prossimi impegni: giovedì alle ore 14:30 a San Sebastiano al Vesuvio contro il Volla in Coppa, poi domenica 10 Novembre altro cambio di campo con una nuova gara interna: si disputa al Don Sossio Giordano l’incontro contro il Casalnuovo del maestro Sorianiello.

«Sconfitta meritata, brutta partita da parte nostra. Abbiamo forse sofferto la pressione di essere primi in classifica, ci sono venute le vertigini. Bisogna ancora crescere, non siamo pronti a ragionare da capolista, ad inizio stagione nessuno ci vedeva in queste posizioni. Si corre il rischio di credersi già grandi, ma questa sconfitta ci servirà da lezione, ora dobbiamo imparare e andare avanti, siamo pur sempre secondi a tre lunghezze dai primi».

Il rammarico, però, arriva sul modo in cui è arrivato lo stop contro il Quarto: «Sapevo che potevamo perdere, ma abbiamo sbagliato atteggiamento e non siamo proprio scesi in campo; il Quarto è una società che ha ampio risalto e molta pubblicità, può succedere che gli arbitri abbiano un occhio di riguardo nei loro confronti; per noi perdere Cozzolino è stato un duro colpo, peccato che il direttore di gara non se la sia sentita di punire la evidente gomitata nei suoi confronti: il ragazzo ha avuto otto punti di sutura, e perderlo ci ha destabilizzato moralmente e tatticamente».

Infine, sulla stagione e sui possibili rinforzi: «Sono soddisfatto, c’è lo spirito giusto per fare bene; abbiamo perso la nostra prima partita, uno scontro diretto, e di certo questo non cambia i nostri programmi. Con la società programmeremo il futuro tranquillamente, capiremo insieme se e come intervenire in base alle aspettative stagionali e alle potenzialità espresse dalla squadra».