Giugliano, occupato anche il Cartesio

Giugliano, occupato anche il Cartesio

Da questa mattina tocca anche al Liceo di via Selva Piccola, gli studenti: «Vogliamo vivere!» GIUGLIANO – Continua l’occupazione degli istituti superiori


Da questa mattina tocca anche al Liceo di via Selva Piccola, gli studenti: «Vogliamo vivere!»

GIUGLIANO – Continua l’occupazione degli istituti superiori di Giugliano, dopo De Carlo, Galvani e Marconi questa mattina è stata la volta del Liceo Cartesio di via Selva Piccola.

Gli studenti del Collettivo Controcorrente, che hanno coordinato l’operazione di protesta, sottolineano i motivi dell’occupazione: «la situazione è sempre più insostenibile, manifestiamo contro le istituzioni che ci stanno negando il futuro, sia distruggendo la scuola pubblica con riforme incomprensibili a vantaggio dell’istruzione privata, sia lasciando la nostra terra in balia di criminali che l’hanno sfruttata, inquinata e condannata. Rivendichiamo il nostro diritto alla vita».

Da stamattina quindi anche al Cartesio parte l’occupazione, le scuole giuglianesi coordinano la protesta ribadendo il loro NO all’inceneritore: «Chi ha inquinato deve pagare, noi chiediamo di essere coinvolti e di poter dire la nostra su un tema che ci riguarda da vicino, proseguiremo la nostra lotta finchè non verremo ascoltati. Vogliamo fare la nostra parte in questo grande movimento di rinascita che attraversa Napoli e provincia, le manifestazioni di questi giorni sono solo l’inizio».