Paolo Liguori: «dite sempre NO a tutto, e ora vi trovate pieni di rifiuti», polemica a Mattino Cinque in diretta da Qualiano

Paolo Liguori: «dite sempre NO a tutto, e ora vi trovate pieni di rifiuti», polemica a Mattino Cinque in diretta da Qualiano

QUALIANO – Ancora polemica sulla Terra dei Fuochi, stavolta è il giornalista Paolo Liguori a cavalcare l’onda della provocazione e a suscitare


dsgsdgsdsgd

QUALIANO – Ancora polemica sulla Terra dei Fuochi, stavolta è il giornalista Paolo Liguori a cavalcare l’onda della provocazione e a suscitare la reazione indignata degli abitanti dell’area.

In piazza a Qualiano, stamane, c’erano le telecamere di Mattino Cinque, trasmissione quotidiana di approfondimento in onda su Canale 5. Il comitato cittadino contro l’inceneritore ha espresso ancora una volta il suo secco NO alla costruzione, chiedendo a gran voce l’apertura delle ecoballe prima di qualunque tipo di trattamento, per poter separare il diverso materiale recuperando il riciclabile, e soprattutto per svelare la provenienza dei tanti rifiuti tossici sigillati illecitamente in quegli ammassi che di ‘eco’ hanno molto poco.

Liguori, dallo studio, ha però affondato il colpo: «siete anche voi responsabili di questa situazione, dite sempre NO a tutto e questa è la conseguenza, se avesse accettato subito il termovalorizzatore non vi trovereste sommersi dai rifiuti; perchè in altre parti lo si è costruito senza problemi, e lì da voi no?».

I cittadini hanno prima reagito scompostamente, parole grosse sono volate all’indirizzo del giornalista Mediaset, poi ristabilita la calma hanno ricordato che incenerire le attuali balle potrebbe essere molto pericoloso, proprio per la sconosciuta natura dei rifiuti, ma gli animi si sono ulteriormente riscaldati quando in collegamento da Napoli il presidente della regione Campania Stefano Caldoro ha commentato laconico: «abbiamo ereditato una situazione disastrosa, stiamo facendo il possibile per trovare una soluzione valida», frasi che non hanno registrato il gradimento della piazza.