Piano Sociale: la politica si arrende, arriverà il Commissariamento dell’ambito.

Piano Sociale: la politica si arrende, arriverà il Commissariamento dell’ambito.

MUGNANO – Per il Piano Sociale di Zona sarà commissariamento. Mancano i tempi tecnici per un nuovo accordo tra i Comuni. A


mugnano villaricca qualiano calvizzano melito commissariamento ambito n16

MUGNANO – Per il Piano Sociale di Zona sarà commissariamento. Mancano i tempi tecnici per un nuovo accordo tra i Comuni. A nulla è valsa la firma della convenzione tra Mugnano, Villaricca, Melito, Calvizzano e Qualiano: la Regione Campania manderà un funzionario ad acta per l’intero ambito.

La convenzione fu approvata dal consiglio comunale mugnanese nello scorso ottobre. Il documento consiliare ha ricevuto nei giorni scorsi ben due pareri negativi dai tecnici comunali. Il primo è stato redatto dal caposettore delle Politiche Sociali Claudio Taraschi che sottolineava la violazione delle leggi della spending rewiew; inoltre è stata individuata la carenza di istruttoria. La seconda bocciatura è arrivata dalla segretaria generale Fabiana Lucadamo che ha comunicato che i provvedimenti relativi al bilancio 2013 possono riguardare solo la programmazione del Comune di Mugnano e non l’intero ambito,

«I miei funzionari non si rendono conto dell’inopportunità di farci lasciare un documento programmatico intercomunale per la loro sciatteria. I tempi sono troppo risicati per scongiurare la nomina» ha dichiarato il sindaco Giovanni Porcelli.

Il consigliere d’opposizione Mauro Romualdo ha affermato : «Le amministrazione dei cinque comuni dell’ambito hanno scelto di rinunciare alle politiche sociali e di avviare l’ambito al commissariamento. Per i loro tornaconti hanno preferito investire in altro. Non c’è la volontà politica locale, regionale e nazionale. Sistema politico si evince quanto è lontano dal territorio, il cittadino comune è lontano – conclude – E’ una scelta scellerata che non tiene conto dei problemi della vita e non prende nessuna considerazione la verità delle persone senza la quale non c’è cambiamento».