«Stato e società complici della camorra, ora bonifiche senza leggi speciali», Claudio Fava interviene al convegno di SEL a Villaricca

«Stato e società complici della camorra, ora bonifiche senza leggi speciali», Claudio Fava interviene al convegno di SEL a Villaricca

VILLARICCA – «Bisogna individuare le terre da bonificare, senza leggi speciali né commissari» dichiara Claudio Fava vicepresidente della commissione antimafia. L’invito a


VILLARICCA – «Bisogna individuare le terre da bonificare, senza leggi speciali né commissari» dichiara Claudio Fava vicepresidente della commissione antimafia. L’invito a prendere coscienze dell’effettiva criticità ambientale è arrivato sabato scorso dal convegno di Sel. Durante l’evento si sono susseguiti vari interventi riguardanti l’allarmante stato di salute delle terre del agro-giuglianese.

 «Necessario superare il gioco di separazione tra la politica e la società civile. La prima non è stata all’altezza delle sue funzioni la seconda non è sempre stata efficace. In questi anni ci sono stati grandi silenzi e complicità. E’ innegabile che ci sia stata una trattativa tra politica e camorra ma lo sversamento dei rifiuti nelle terre dei contadini è stato pagato con i milioni» conclude Fava.

 Dal convegno sono emersi spunti di riflessioni interessanti come le fitobonifiche, tecnologia che prevede di piantare specifiche tipologie di arbusti su territori compromessi che sottraggono gli agenti inquinanti dal terreno. I vegetali in seguito dovranno essere utilizzati per l’industria “no food”. E’ stata avanza la richiesta di implementare il controllo attraverso la concessione di mezzi e le dotazioni alla nuova Procura di Napoli Nord per affrontare i reati ambientali e alla polizia giudiziaria specializzata.