Giugliano, proteste Tares. Ecco i volti e le voci della contestazione

Giugliano, proteste Tares. Ecco i volti e le voci della contestazione

Casalinghe, disoccupati ed operai, tutti uniti contro gli aumenti della tasse dei rifiuti GIUGLIANO – Si avverte stanchezza e preoccupazione dai manifestanti


municipio commissione prefettizia commissari guetta giombini

Casalinghe, disoccupati ed operai, tutti uniti contro gli aumenti della tasse dei rifiuti

GIUGLIANO – Si avverte stanchezza e preoccupazione dai manifestanti che stamane hanno bloccato il Municipio. Alle forze di Polizia, il compito di tenere a bada la polveriera sociale di queste ore.

« E’ inaccettabile pagare una tassa così alta. Mi hanno messo davanti ad una scelta: pagare la Tares o fare la spesa per la mia famiglia. – dichiara il disoccupato cinquantenne Giuseppe – Secondo voi cosa sceglierò? Non si può andare avanti così».

«Noi vogliamo pagare il giusto ma non siamo i fessi d’Italia. Facciamo sacrifici per andare avanti ma adesso è troppo» ammette Giusy, casalinga scesa in strada manifestare contro gli aumenti

«Oggi scendo in strada perchè non ho niente da perdere. La tassà così com’è è troppo alta  e non sono in grado di pagarla» spiega il 40enne Francesco.