Melito, Ufficio Urbanistico: querelle sul bando per l’individuazione del nuovo responsabile di settore. Scatta la polemica

Melito, Ufficio Urbanistico: querelle sul bando per l’individuazione del nuovo responsabile di settore. Scatta la polemica

Il centro-destra attacca: «il settore non riesce a trovare pace»  MELITO – Il prossimo 23 dicembre scadranno i termini per la partecipazione


Il centro-destra attacca: «il settore non riesce a trovare pace»

 MELITO – Il prossimo 23 dicembre scadranno i termini per la partecipazione alla Procedura Comparativa per individuare il nuovo responsabile di settore dell’Ufficio Urbanistico e Sviluppo ed Assetto del Territorio del Comune di Melito.

Il bando, pubblicato lo scorso 13 dicembre sulla Gazzetta Ufficiale, ha subìto delle variazioni in corso d’opera che fa storcere il naso all’opposizione di centro-destra che riflette: «E’ dall’inizio della prima consiliatura Carpentieri che prima il settore urbanistica e poi Assetto e Sviluppo del Territorio non trovano pace. Si sono avvicendati vari caposettore e dopo pochi mesi hanno tutti lasciato l’incarico per motivi ancora da accertare. Perché tutti quanti scappano?In tempi di spending review si fa ricorso a dei tecnici esterni nonostante nello stesso settore esistono figure professionali all’altezza».

All’opposizione, non convince, tra gli altri requisiti necessari per la partecipazione alla domanda per il ruolo di caposettore, la diminuzione da 5 a 3 gli anni di esperienza precedentemente maturata nelle pubbliche amministrazioni.

Inoltre, la minoranza si chiede del perché il bando di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale abbia una durata temporale di soli 10 giorni (dal 13 al 23 dicembre) e perché dal 6 dicembre non ce n’è traccia sull’albo pretorio online del Comune di Melito.

«La questione è abbastanza grave visto lo stato urbanistico del territorio e la telenovela giudiziaria che avanti di oltre 15 anni. Ci riserviamo di allertare la Magistratura. In altri Comuni diversi settori sono stati commissariati per molto meno. A Melito, l’utenza si lamenta continuamente perché il settore è paralizzato e no dà risposte» rincara la dose Luciano Mottola della lista “Melito Nel Cuore’’.

Dagli ambienti comunali fanno sapere che l’arco temporale limitato è legato anzitutto «all’esigenza di bilancio che era da approvare entro fine anno. In caso contrario, si sarebbe dovuto aspettare l’inizio del 2014 per la certificazione del nuovo patto di stabilità. Tutto questo avrebbe comportato un ritardo per l’individuazione del nuovo caposettore e il passaggio dai 5 ai 3 anni è stato fatto per trovare con maggior facilità il nuovo responsabile».

Ma allora perché il bando datato 6 dicembre 2013 è stato successivamente eliminato dall’albo pretorio online del Comune come afferma anche il centro-destra? La scelta è stata resa necessaria, ribattono dall’Ente Comunale, in quanto, dal punto di vista normativo, non sarebbe possibile presentare domande di partecipazione prima della pubblicazione del bando sulla Gazzetta Ufficiale.Anche il

Partito Democratico, primo partito di maggioranza chiede però che l’Ufficio Urbanistico cambi passo in futuro.

«Bisogna senza dubbio alcuno dare una svolta al settore urbanistico che necessita di una accelerata. Alle tante richieste di autocertificazione negli scorsi anni non è stato poi dato seguito».